Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Diego Fusaro contro le Sardine: “Pesci pagliaccio alla corte dei Benetton”

Immagine di copertina

Diego Fusaro contro le Sardine: “Pesci pagliaccio alla corte dei Benetton”

Fusaro vs Sardine, here we go again. Non si placa la polemica tra Diego Fusaro e il movimento anti-Salvini. Nel suo ultimo intervento radiofonico, il filosofo si è sfogato denunciando quella che lui definisce “l’ultima gaffe del movimento”, ovvero incontro tra i quattro fondatori bolognesi con Luciano Benetton e Oliviero Toscani al Fabrica, il centro di formazione per comunicatori fondato dalla famiglia Benetton, avvenuto venerdì 31 gennaio e immortalato in una foto diventata virale.

Fusaro vs Sardinde: le critiche

Il motivo? La sua posizione critica proprio nei confronti delle Sardine. Il filosofo ha spiegato: “Stanno coi poteri forti, sono solo dei pesci pagliacci. Sono solo alla corte delle United Colors of Benetton”.

Poi rincara la dose: “Una foto che mostra padroni e ciambellani, servizievoli. Non solo Benetton, ma anche Oliviero Toscani: il non plus ultra del mondialismo tutto insieme in una sola immagine”.

“Se fossimo negli anni ’30 probabilmente li troveremmo con la camicia nera indosso, perché il metodo è esattamente quello”, aveva già detto nei mesi scorsi il filosofo.

Fusaro, negli ultimi giorni, è più volte intervenuto per criticare le Sardine. In un altro intervento su Radio Radio, il filosofo aveva dichiarato: “Sarebbe stato interessante se le sardine avessero emulato le giubbe gialle galliche e avessero lottato per i diritti sociali e il lavoro e contro il classismo globalista. E invece no, abbiamo assistito con le sardine alla solita logora lotta antifascista in assenza di fascismo, dove naturalmente il fascista è stato incondizionatamente identificato con Matteo Salvini e col suo movimento politico”.

La scissione

La stessa foto con Benetton avrebbe causato anche la “scissione” delle Sardine di Roma. Ad annunciarlo è il loro rappresentante, Stephen Ogongo, in un comunicato diffuso sui social.

“Sardine di Roma, da oggi in autonomia. Incontro con i Benetton solo l’ultimo degli errori dei fondatori bolognesi”, scrivono le sardine romane su Facebook.

Leggi anche: 
Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda
Politica / Giorgia Meloni: “Morgan? Ogni tanto ci sentiamo, ma non sta scrivendo il programma di Fratelli d’Italia”
Politica / Tommaso Zorzi attacca Salvini: “Un idiota”. La replica del leghista: “Agli insulti rispondo con le idee”
Politica / Tg1, Crosetto a Bonini: “Faccia il conduttore, non la parte”. La risposta del giornalista | VIDEO