Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Sardine, il leader della scissione di Roma a TPI: “Ci sono degli squali che possono rovinare il movimento”

Stephen Ogongo, fondatore del gruppo Sardine di Roma, conferma a TPI la prima scissione delle sardine: "Il gruppo ha preso una piega che non condivido, abbiamo perso molte persone, si è utilizzato un linguaggio troppo acceso. Si chiude e si riparte da zero"

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 3 Feb. 2020 alle 19:35 Aggiornato il 4 Feb. 2020 alle 08:56
556
Immagine di copertina

Scissione sardine, Ogongo: “Gli squali possono rovinare il movimento”

“Il gruppo Facebook ‘Sardine’ di Roma l’ho creato io e da lì ho cercato di coinvolgere sempre più persone. Il gruppo è cresciuto fino all’evento di piazza San Giovanni, poi però ha preso una piega che non condivido, abbiamo perso molte persone, si è utilizzato un linguaggio acceso che non mi appartiene e che non rispecchia i valori che ci avevano unito”.

Lo afferma a TPI Stephen Ogongo, fondatore del gruppo Sardine di Roma che conferma la prima scissione delle sardine.

La notizia della scissione è arrivata tramite Facebook, in un post pubblicato da Ogongo nel quale vengono elencate le motivazioni che hanno portato allo strappo.

“Sardine di Roma, da oggi in autonomia. Incontro con i Benetton solo l’ultimo degli errori dei fondatori bolognesi”, scrive Ogongo su Facebook.

“L’incontro che i fondatori delle Sardine hanno avuto con Luciano Benetton è stato sbagliato, inopportuno. Un errore politico ingiustificabile, ma solo l’ultimo degli errori che Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa hanno commesso nelle ultime settimane”.

“Da questo momento le Sardine di Roma non fanno più riferimento ai 4 fondatori di Bologna né alla struttura che stanno creando. Le Sardine di Roma ripartono da quei valori che hanno fatto della manifestazione di Piazza San Giovanni la più grande e la più partecipata delle sardine: uguaglianza, libertà, giustizia sociale. Affiancarsi agli squali, o diventare come loro, non ci rafforza ma ci indebolisce, ci rende prede inconsapevoli”, si legge ancora nella nota.

“Quando parlo di squali”, specifica Ogongo a TPI, “parlo di quelle potenze che potrebbero rovinare il movimento”.

Le parole di Ogongo, però, preparano ad una ulteriore scissione, data ormai per certa: quella all’interno del gruppo romano.

“Ho provato a farlo notare alle divisioni interne ma la mia linea non è passata. A questo punto ho preso questa decisione: si chiude e si riparte da zero. Non so chi diventerà il rappresentante del gruppo romano adesso”.

Ogongo annuncia il cambio di rotta e anche il distacco rispetto alle future iniziative che erano state annunciate a livello nazionale.

“Non andrò a Scampia e non parteciperò a quella iniziativa. Non mi riconosco più né nel gruppo bolognese, né in chi sarà il rappresentate delle Sardine a Roma. Con me ci saranno tutte le persone che non si identificano in quella linea. Non so quantificare ora, ma lo capiremo nei prossimi giorni”.

Leggi anche:

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

Nessuno tocchi le sardine: il loro “No” può salvare la sinistra in Italia (di L. Telese)

ESCLUSIVO TPI / Parla Prodi a tre giorni dal voto in Emilia: “Sfida sul filo di lana. Borgonzoni inesistente, Salvini urla e basta. Le Sardine? Non ci sono io dietro”

“Sono antifascista, alle Sardine ho chiesto un incontro ma hanno rifiutato”: parla il sindaco leghista di Ferrara

556
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.