Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Sardine, il leader della scissione di Roma a TPI: “Ci sono degli squali che possono rovinare il movimento”

Immagine di copertina

Stephen Ogongo, fondatore del gruppo Sardine di Roma, conferma a TPI la prima scissione delle sardine: "Il gruppo ha preso una piega che non condivido, abbiamo perso molte persone, si è utilizzato un linguaggio troppo acceso. Si chiude e si riparte da zero"

Scissione sardine, Ogongo: “Gli squali possono rovinare il movimento”

“Il gruppo Facebook ‘Sardine’ di Roma l’ho creato io e da lì ho cercato di coinvolgere sempre più persone. Il gruppo è cresciuto fino all’evento di piazza San Giovanni, poi però ha preso una piega che non condivido, abbiamo perso molte persone, si è utilizzato un linguaggio acceso che non mi appartiene e che non rispecchia i valori che ci avevano unito”.

Lo afferma a TPI Stephen Ogongo, fondatore del gruppo Sardine di Roma che conferma la prima scissione delle sardine.

La notizia della scissione è arrivata tramite Facebook, in un post pubblicato da Ogongo nel quale vengono elencate le motivazioni che hanno portato allo strappo.

“Sardine di Roma, da oggi in autonomia. Incontro con i Benetton solo l’ultimo degli errori dei fondatori bolognesi”, scrive Ogongo su Facebook.

“L’incontro che i fondatori delle Sardine hanno avuto con Luciano Benetton è stato sbagliato, inopportuno. Un errore politico ingiustificabile, ma solo l’ultimo degli errori che Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa hanno commesso nelle ultime settimane”.

“Da questo momento le Sardine di Roma non fanno più riferimento ai 4 fondatori di Bologna né alla struttura che stanno creando. Le Sardine di Roma ripartono da quei valori che hanno fatto della manifestazione di Piazza San Giovanni la più grande e la più partecipata delle sardine: uguaglianza, libertà, giustizia sociale. Affiancarsi agli squali, o diventare come loro, non ci rafforza ma ci indebolisce, ci rende prede inconsapevoli”, si legge ancora nella nota.

“Quando parlo di squali”, specifica Ogongo a TPI, “parlo di quelle potenze che potrebbero rovinare il movimento”.

Le parole di Ogongo, però, preparano ad una ulteriore scissione, data ormai per certa: quella all’interno del gruppo romano.

“Ho provato a farlo notare alle divisioni interne ma la mia linea non è passata. A questo punto ho preso questa decisione: si chiude e si riparte da zero. Non so chi diventerà il rappresentante del gruppo romano adesso”.

Ogongo annuncia il cambio di rotta e anche il distacco rispetto alle future iniziative che erano state annunciate a livello nazionale.

“Non andrò a Scampia e non parteciperò a quella iniziativa. Non mi riconosco più né nel gruppo bolognese, né in chi sarà il rappresentate delle Sardine a Roma. Con me ci saranno tutte le persone che non si identificano in quella linea. Non so quantificare ora, ma lo capiremo nei prossimi giorni”.

Leggi anche:
“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”
Nessuno tocchi le sardine: il loro “No” può salvare la sinistra in Italia (di L. Telese)
ESCLUSIVO TPI / Parla Prodi a tre giorni dal voto in Emilia: “Sfida sul filo di lana. Borgonzoni inesistente, Salvini urla e basta. Le Sardine? Non ci sono io dietro”
“Sono antifascista, alle Sardine ho chiesto un incontro ma hanno rifiutato”: parla il sindaco leghista di Ferrara
Ti potrebbe interessare
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, vince il centrosinistra. La neo-presidente Todde: "Alleanza M5S-Pd unica via". Meloni: "Impareremo dalla sconfitta". Salvini: "Il Governo è saldo"
Politica / Europee, Salvini continua a "corteggiare" Roberto Vannacci