Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Salvini all’attacco dell’Europa: “Non mandi letterine ma pensi ai disoccupati”

Immagine di copertina

Dopo il trionfo alle Europee, Matteo Salvini attacca Bruxelles | Salvini news | Il day after il trionfo alle Europee (qui i risultati definitivi) non poteva essere dei migliori per Matteo Salvini, vero e proprio trionfatore delle tornata elettorale con la sua Lega che è arrivata al 34 per cento.

Il vicepremier e ministro dell’Interno è già a lavoro per capitalizzare questo risultato e far pesare la sua forza elettorale sia a Bruxelles che nel Governo (qui tutte le news) al fine di realizzare le promesse proposte in campagna elettorale.

E proprio ai microfoni dell’emittente radiofonica Rtl 102.5, dove è stato ospite questa mattina, il leader della Lega ha fatto il punto della situazione, parlando di ciò che c’è da fare nel prossimo futuro.

Partendo dall’indiscrezione che vorrebbe l’Europa pronta a inviare al governo italiano una lettera di richiamo per la mancata riduzione del debito pubblico, Salvini ha dichiarato: “Spero che non ci sia nessuno in Europa che mandi letterine”.

“Il voto di domenica – aggiunge Salvini – è stato una sfiducia nei confronti dell’Europa fondata sui tagli. A Bruxelles si mettano al centro il lavoro, il tasso di disoccupazione, l’economia reale rispetto allo spread e alla finanza”.

“Ogni mia energia sarà usata per cambiare queste regole vecchie e superate” afferma il leader della Lega.

Sugli equilibri interni al Governo (qui le notizie della giornata) e sul rapporto con l’altro vicepremier Luigi Di Maio e il Movimento 5 Stelle, uscito sconfitto dalla tornata elettorale, il ministro dell’Interno ha dichiarato che “gli equilibri interni e le sorti del partito vengono dopo” e che prima di tutto c’è da pensare a sicurezza e tasse.

“Serve uno choc fiscale positivo per ripartire” aggiunge Salvini che, sul decreto sicurezza bis, sottolinea: “È pronto già dalla scorsa settimana” con un’accusa velata al premier Conte, che la settimana scorsa aveva spinto per rinviare il decreto in Cdm.

Alla domanda se la Lega si prepari a governare Roma, Salvini ha risposto: “Ci feremo trovare pronti”.

I tre forni della Lega di Salvini (di Luca Telese)

L’Italia del Capitano

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Politica / Primarie centrosinistra Roma e Bologna oggi: candidati, come si vota, seggi
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici