Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Salvini all’attacco dell’Europa: “Non mandi letterine ma pensi ai disoccupati”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 28 Mag. 2019 alle 10:11 Aggiornato il 28 Mag. 2019 alle 12:37
0
Immagine di copertina

Dopo il trionfo alle Europee, Matteo Salvini attacca Bruxelles | Salvini news | Il day after il trionfo alle Europee (qui i risultati definitivi) non poteva essere dei migliori per Matteo Salvini, vero e proprio trionfatore delle tornata elettorale con la sua Lega che è arrivata al 34 per cento.

Il vicepremier e ministro dell’Interno è già a lavoro per capitalizzare questo risultato e far pesare la sua forza elettorale sia a Bruxelles che nel Governo (qui tutte le news) al fine di realizzare le promesse proposte in campagna elettorale.

E proprio ai microfoni dell’emittente radiofonica Rtl 102.5, dove è stato ospite questa mattina, il leader della Lega ha fatto il punto della situazione, parlando di ciò che c’è da fare nel prossimo futuro.

Partendo dall’indiscrezione che vorrebbe l’Europa pronta a inviare al governo italiano una lettera di richiamo per la mancata riduzione del debito pubblico, Salvini ha dichiarato: “Spero che non ci sia nessuno in Europa che mandi letterine”.

“Il voto di domenica – aggiunge Salvini – è stato una sfiducia nei confronti dell’Europa fondata sui tagli. A Bruxelles si mettano al centro il lavoro, il tasso di disoccupazione, l’economia reale rispetto allo spread e alla finanza”.

“Ogni mia energia sarà usata per cambiare queste regole vecchie e superate” afferma il leader della Lega.

Sugli equilibri interni al Governo (qui le notizie della giornata) e sul rapporto con l’altro vicepremier Luigi Di Maio e il Movimento 5 Stelle, uscito sconfitto dalla tornata elettorale, il ministro dell’Interno ha dichiarato che “gli equilibri interni e le sorti del partito vengono dopo” e che prima di tutto c’è da pensare a sicurezza e tasse.

“Serve uno choc fiscale positivo per ripartire” aggiunge Salvini che, sul decreto sicurezza bis, sottolinea: “È pronto già dalla scorsa settimana” con un’accusa velata al premier Conte, che la settimana scorsa aveva spinto per rinviare il decreto in Cdm.

Alla domanda se la Lega si prepari a governare Roma, Salvini ha risposto: “Ci feremo trovare pronti”.

I tre forni della Lega di Salvini (di Luca Telese)

L’Italia del Capitano

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.