Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Europee, la Lega esulta: “Siamo primo partito, no crisi di governo”

Immagine di copertina

EUROPEE 2019 LEGA PRIMO PARTITO – Dopo i primi exit poll che indicano la Lega vicina al 30 per cento dei consensi, gli esponenti del Carroccio esultano. “Importa relativamente se saremo al 30 o 31 per cento: un anno fa eravamo al 17 per cento. È un risultato storico ed è storico che per la prima volta la Lega diventi primo partito in Italia”, ha dichiarato, nel corso di una diretta su Rai 1, a Porta a porta, il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari.

Elezioni Europee 2019 | Lega primo partito

“Non abbiamo intenzione di usare questo risultato per mettere in crisi il governo. Anzi, insieme Movimento 5 Stelle e Lega siamo oltre il 50 per cento. Certo, il nostro risultato ci dà più forza per mettere al centro i nostri temi: dalle infrastrutture alla flat tax”, ha aggiunto Molinari. Il capogruppo di Montecitorio è stato il primo a parlare. Ma non è tardata ad arrivare una reazione del leader Matteo Salvini.

“Una sola parola: GRAZIE Italia!”. È con queste parole che il segretario del Carroccio, su Twitter, ha commentato i primi exit poll delle Europee postando anche una sua foto con un cartello scritto a penna dove si legge “1° partito in Italia, grazie”.

europee 2019 lega salvini

Gli exit poll diffusi alle 23 e qualche minuto hanno segnalato la Lega vicina ma mediamente al di sotto del 30 per cento dei voti: l’istituto demoscopico Swg per La7 ha segnalato il Carroccio nella forchetta tra il 26,5 e il 29,5 per cento, YouTrend per Sky tra il 27 e il 30 per cento, Opinio Italia per la Rai tra il 27 e il 31 per cento, infine Tecnè per Mediaset tra il 26 e il 30 per cento.

Ti potrebbe interessare
Politica / Troppe donne candidate: lista esclusa dalle elezioni comunali di Bari
Politica / FdI e Pd presentano insieme una proposta di legge per proteggere i minori dai social
Politica / Meloni alla convention di Vox: “Con noi l’Europa può cambiare identità”. Le Pen: “Con la premier ci sono punti in comune”
Ti potrebbe interessare
Politica / Troppe donne candidate: lista esclusa dalle elezioni comunali di Bari
Politica / FdI e Pd presentano insieme una proposta di legge per proteggere i minori dai social
Politica / Meloni alla convention di Vox: “Con noi l’Europa può cambiare identità”. Le Pen: “Con la premier ci sono punti in comune”
Politica / Tajani: “Non confondiamo la teoria gender con i diritti”
Politica / Salta il duello tv tra Meloni e Schlein, la Rai
Politica / Vannacci contro il vincitore dell’Eurovision Nemo: “Il mondo al contrario è sempre più nauseante”
Politica / Toti, la politica e la giustizia in Italia: il re è di nuovo nudo
Politica / “Chi mi ama mi voti”, come è cambiata la comunicazione politica. L’intervista agli autori
Politica / Scoppia il caso alla Regione Lazio: il capo di gabinetto di Rocca è anche capo dei revisori dei conti di Croce Rossa
Politica / La ministra Roccella, contestata dagli studenti, abbandona gli Stati generali della Natalità | VIDEO