Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Chi è Elisabetta Belloni, la coordinatrice dei servizi segreti che potrebbe diventare la prima presidente della Repubblica donna

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Il nome è passato sotto traccia più volte, ma negli ultimi giorni si è fatto più insistente: Elisabetta Belloni è il nome giusto per un presidente. Non è chiaro però, “presidente di cosa”.

C’è infatti qualcuno che la vorrebbe al Quirinale, mentre altri la vorrebbero a Palazzo Chigi in modo che Mario Draghi possa lasciare in buone mani il governo e diventare capo dello Stato.

Elisabetta Belloni, 63 anni, è la direttrice del Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza) ed è ex segretario generale della Farnesina. È una donna, quindi sia per Chigi che per il Quirinale, sarebbe un’importante novità. È apprezzata all’estero, è una “tecnica” e ha buoni rapporti con tutte le forze politiche avendo collaborato con ministri politici di tutti gli schieramenti.

Vediamo la sua storia

Laureata in Scienze politiche nel 1982 alla Luiss di Roma, ha iniziato la carriera diplomatica alla Farnesina a 27 anni. Ha avuto poi esperienze a Vienna e a Bratislava. Nel 1999 è rientrata in Italia e ha lavorato al ministero degli Esteri.

Nel 2004 è stata dominata capo dell’unità di crisi della Farnesina dall’allora ministro degli Esteri Franco Frattini (Forza Italia, governo Berlusconi). Quattro anni dopo è stata nominata direttore generale per la Cooperazione allo sviluppo. Nel 2013, sotto il governo guidato da Mario Monti, è diventata direttore generale per le Risorse e l’Innovazione, su richiesta del ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata. L’anno dopo diventa Ambasciatrice.

Con il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni (governo Renzi), nel 2015, Belloni è diventata capo di gabinetto e poi segretaria generale del ministero degli Esteri, la prima donna a ricoprire questo incarico.

Ha mantenuto la sua carica anche con i governi presieduti da Giuseppe Conte ed è diventata un punto di riferimento prezioso per il ministro degli esteri Luigi Di Maio.

Con Draghi è passata alla guida dei servizi segreti, anche in questo è la prima donna a ricoprire l’incarico.

Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”