Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elisa Serafini (TPI) a Tagadà (La7): “È più probabile i trentenni vedano un unicorno piuttosto che la pensione”

Ospite del programma di La7, Tagadà, la giornalista di TPI Elisa Serafini lancia una dura provocazione sul tema dei contributi versati dai giovani per la pensione, che probabilmente non riceveranno mai

Elisa Serafini ospite di Tagadà (La7): “I giovani non vedranno le pensioni”

“È più probabile che i trentenni di oggi vedano un unicorno che la pensione”. Lo ha detto la giornalista di TPI Elisa Serafini ospite della puntata di martedì 26 novembre 2019 del programma Tagadà (La7), condotto da Tiziana Pannella.

Nel corso della trasmissione Serafini ha lanciato una dura provocazione sul tema delle pensioni e dei contributi che i giovani versano all’Inps.

“L’età della pensione dei trentenni è 72 anni, probabilmente tra 4, 5 anni, ci diranno che è 74, 75 o 76. Sostanzialmente chi oggi ha 35 o anche 40 anni avrà molta difficoltà a vedere i contributi che ha versato. Stiamo versando contributi che non ci verranno restituiti”, ha dichiarato.

La giornalista di TPI ha poi mostrato un unicorno gonfiabile in diretta esclamando: “È più probabile che noi giovani vedremo gli unicorni piuttosto che la pensione”.

“Vorremmo pagare i nostri contributi a soggetti privati responsabili altrimenti vuol dire che stiamo regalando contributi, stiamo illudendo le persone, e questa a casa mia si chiama truffa”, esclama ancora Serafini nel corso della puntata del programma.

“Oggi i ragazzi giustamente non scendono in piazza per le pensioni perché devono scendere in piazza per il lavoro. Tra un po’ di anni scenderanno in piazza senza soldi, tutele, servizi, e sarà un problema enorme per il nostro Paese”, conclude Serafini.

Leggi anche:
No cara ex ministra Trenta, la politica non è mantenere privilegi a vita a spese dei cittadini (di E.Serafini)
No, viceministra Castelli, assumere mezzo milione di persone nella PA non è una buona idea (di E.Serafini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi