Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni regionali Veneto 2020, la guida: data, orari, candidati, legge elettorale. Tutto quello che c’è da sapere

Immagine di copertina
Arturo Lorenzoni e Luca Zaia

Elezioni regionali Veneto 2020, guida: candidati, legge elettorale, data, orari

Nell’election day di domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020 si vota anche per le elezioni regionali in Veneto: i cittadini della Regione sono chiamati a eleggere il nuovo presidente e il consiglio regionale. Nello stesso giorno, si voterà anche per il referendum sul taglio dei parlamentari e per il primo turno delle elezioni amministrative (16 comuni all’interno della Regione).

Luca Zaia è il grande favorito anche in assenza di sondaggi ufficiali soprattutto dopo la grande popolarità acquisita durante l’emergenza Coronavirus e correrà per cercare di ottenere il terzo mandato consecutivo alla guida della coalizione di centrodestra. In Veneto non ci sarà un’alleanza tra il centrosinistra e il Movimento 5 Stelle, con i pentastellati che, tramite le consuete regionarie, hanno scelto l’ex senatore Enrico Cappelletti come loro candidato. Il Partito Democratico poi ha fatto la sua mossa ufficializzando Arturo Lorenzoni.

Ma chi sono tutti i candidati delle elezioni regionali in Veneto? E con quale legge elettorale verrà scelto il nuovo presidente di Regione? Di seguito, una guida utile al voto del 20-21 settembre.

Elezioni regionali Veneto 2020, data e orari

Come già anticipato, gli elettori veneti sono chiamati alle urne domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020. Chi vuole votare la domenica, dovrà presentarsi tra le 7 e le 23. Lunedì, invece, si vota dalle 7 alle 15. Dopodiché, inizia lo spoglio delle schede. I primi exit poll sono disponibili intorno alle 15 di lunedì, dopo la chiusura dei seggi. Le elezioni regionali in Veneto, come anche quelle in Toscana, Campania, Liguria, Puglia, Valle d’Aosta e Marche, dovevano tenersi nel corso del 2020. L’emergenza Coronavirus, poi, ha costretto il Viminale a rinviare l’appuntamento elettorale al settembre 2020. Il decreto Elezioni, approvato dal Parlamento, ha poi previsto l’accorpamento in un unico election day delle regionali, delle amministrative e del referendum confermativo sul taglio del numero dei parlamentari.

I candidati

Di seguito, l’elenco candidati alle Regionali. In totale saranno nove i candidati in campo per queste elezioni regionali in Veneto.

  • Patrizia Bartelle – Veneto Ecologia Solidarietà
  • Paolo Benvengù – Solidarietà Ambiente Lavoro
  • Enrico Cappelletti – Movimento 5 Stelle
  • Paolo Girotto – Movimento3V
  • Antonio Guadagnini – Partito dei Veneti
  • Arturo Lorenzoni – Partito Democratico, +Veneto in Europa-Volt, Europa Verde, Sanca Veneta, Il Veneto che Vigliamo
  • Simonetta Rubinato – Per le Autonomie
  • Daniela Sbrollini – Italia Viva
  • Luca Zaia – Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Zaia Presidente, Lista Veneta Autonomia

Elezioni regionali Veneto 2020, la legge elettorale

Per le elezioni regionali in Veneto si vota con una legge elettorale del 2012 che è stata in parte modificata nel maggio 2018. Non essendo previsto un ballottaggio, verrà eletto governatore il candidato capace di ottenere anche un solo voto in più rispetto agli altri sfidanti. Lo Zaiatellum come è stato rinominato è un sistema di voto proporzionale che prevede l’assegnazione di un premio di maggioranza: nel caso di un candidato che ottiene più del 40 per cento dei voti, a questo gli verrà attribuito il 60 per cento dei 50 seggi in totale.

Per accedere alla ripartizione dei seggi, una coalizione deve superare la soglia di sbarramento del 5 per cento dei voti mentre per le liste singole l’asticella è fissata al 3 per cento. Per quanto riguarda i consiglieri è stato eliminato il vincolo dei due mandati. Sarà possibile infine per un elettore fare un voto disgiunto (per un candidato alla carica di Presidente della Giunta regionale e per una delle altre liste a esso non collegate) ed esprimere una doppia preferenza per i candidati consiglieri, che però devono riguardare candidati di genere diverso della stessa lista (un uomo e una donna o viceversa), pena l’annullamento della seconda preferenza.

Leggi anche: 1. Gli ultimi sondaggi sulle elezioni regionali: il centrodestra vince 4-2 / 2. Veneto, il candidato del centrosinistra alle Regionali Lorenzoni è positivo /3. Zaia apprezzato in Veneto dopo la gestione Coronavirus 

Ti potrebbe interessare
Politica / Speranza: “A fine luglio Italia fuori dallo stato d’emergenza. AstraZeneca? Nessuno è una cavia da laboratorio”
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Politica / Speranza: “A fine luglio Italia fuori dallo stato d’emergenza. AstraZeneca? Nessuno è una cavia da laboratorio”
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Politica / Salvini: "Ho prenotato il vaccino il 28 giugno, ma ho un processo"
Politica / Ora è ufficiale: Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Giornale
Politica / Minacce alla libraia che si è rifiutata di vendere la biografia di Giorgia Meloni: ora è sotto protezione
Politica / Toninelli si vaccina e attacca Figliuolo. Critiche sui social
Politica / Torino, flop alle primarie del centrosinistra: meno di 12mila ai gazebo. Vince il dem Stefano Lo Russo
Politica / Il nuovo M5S di Conte: segreteria coi nominati. Doppio mandato: deroga ai "meritevoli"
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri