Me

Elezioni europee Polonia 2019 | Risultati | Chi ha vinto | Proiezioni ufficiali

Di Laura Melissari
Pubblicato il 26 Mag. 2019 alle 21:22 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:59
Immagine di copertina

Elezioni europee Polonia 2019 | Risultati | Chi ha vinto | Proiezioni ufficiali

Elezioni europee Polonia 2019 risultati | La Polonia ha diritto a eleggere 51 eurodeputati. Vince il partito Diritto e Giustizia con il 43.10 per cento dei voti. Segue la Coalizione Europea con 38.40 per cento. Terzo posto al partito “primavera” con il 6.70 per cento.

Qui abbiamo pubblicato i primi exit poll, rilasciati nella tarda serata di domenica 26 maggio.

Elezioni europee Polonia 2019 risultati | Sondaggi e proiezioni prima del voto

Secondo le proiezioni di Politico, in Polonia era dato per vinto il partito al governo, PiS, Diritto e Giustizia.

Si tratta del partito politico polacco di destra, di ispirazione conservatrice, moderatamente euroscettico. Il PiS è stato fondato dai gemelli Lech e Jarosław Kaczyński.

Il PiS nella legislatura 2014-2019 faceva parte dell’Ecr, il partito europeo dei Conservatori e riformisti. Guardando alla prossima, che inizierà dopo le elezioni, il PiS si è detto pronto a discutere un’alleanza con la Lega di Matteo Salvini e con il partito di estrema destra spagnolo Vox, ma esclude un’alleanza al Parlamento europeo con Marine Le Pen, che è alleato dello stesso Salvini.

Il partito al governo è stato accusato di violare lo stato di diritto e di aver costruito in Polonia uno regime semi-autoritario. L’anno scorso l’Ue aveva deferito il governo polacco alla Corte di giustizia europea, con l’accusa di non riconoscere il principio di separazione dei poteri.

Come si vede dal grafico qui sopra, al secondo posto troviamo la Coalizione europea, a forte vocazione europeista, nata allo scopo di bloccare l’ondata populista, sovranista ed euroscettica.

Al terzo posto troviamo Wiosna, partito social democratico, mentre al quarto il Movimento di Pawel Kukiz, alleato del Movimento Cinque Stelle, e attestato su posizioni omofobe e populiste.

Come aveva votato la Polonia nel 2014

Nel 2014 la Polonia aveva visto un pareggio tra i seggi conquistati da Piattaforma Civica, partito di centro destra europeista, e Diritto e Giustizia, con 19 seggi ciascuno. Al terzo posto l’alleanza di sinistra.

Un po’ di contesto

La Polonia, ufficialmente Repubblica di Polonia, è entrata a far parte dell’Unione europea nel 2004. La Polonia ha una popolazione di 38.485.779 abitanti.

Confina a ovest con la Germania, a sud con la Repubblica Ceca e la Slovacchia, a est con l’Ucraina e la Bielorussia, a nordest con la Lituania e con l’exclave russo di Kaliningrad, e a nord è bagnata dal mar Baltico.

La Polonia presentò la domanda di adesione all’Unione europea nel 1994. Nel 2007 la Polonia aderisce agli accordi di Schengen, gli accordi che regolano la libera circolazione all’interno degli Stati membri.

La Polonia è lo stato che usufruisce maggiormente dei Fondi strutturali assegnati dall’Unione europea ogni 7 anni.

Nel settennio 2007-2013 ha ricevuto 102 miliardi di Euro che nel 2014-2020 sono diventati 106 miliardi.

Questi finanziamenti hanno permesso una forte crescita rispetto agli altri stati dell’Unione europea in termini di aumento delle infrastrutture, calo della disoccupazione, aumento dell’export.

L’affluenza

Nel 2014 si era recato alle urne solo il 23,8 per cento dei cittadini. Secondo le previsioni, alle Europee 2019 andranno alle urne oltre il 55 per cento degli aventi diritto.