Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni amministrative Avellino 2019: tutto quello che c’è da sapere

Immagine di copertina

Elezioni amministrative Avellino 2019 | Elezioni Avellino 2019 | Elezioni comunali Avellino candidati | Data | Come si vota

Elezioni amministrative Avellino 2019 | Oggi, domanica 26 maggio 2019, i cittadini della città di Avellino eleggono il loro sindaco e i membri del nuovo Consiglio comunale.

Elezioni amministrative Avellino 2019 | Data

Le elezioni comunali del capoluogo campano si tengono nella stessa data delle Europee 2019 e delle regionali in Piemonte. Le urne si sono aperte alle 7 di domenica 26 maggio e si chiudono alle 23. 

Il successivo eventuale turno di ballottaggio avrà luogo il 9 giugno 2019. Il ballottaggio, essendo Avellino una città con una popolazione superiore ai 15mila abitanti, è necessario nel caso in cui nessun candidato al primo turno riesca a ottenere la maggioranza assoluta. Passano al secondo turno i due candidati a sindaco più votati.

Elezioni Avellino 2019 | Candidati

I candidati sindaco di Avellino sono 8 in tutto:

Luca Cipriano sostenuto da Partito Democratico, Mai Più, Laboratorio Avellino, Coloriamo Avellino, Avellino Più

• Biancamaria D’Agostino, sostenuta da Lega

• Gianluca Festa sostenuta da lista Vera, W Avellino

• Damiano Genovese con le liste Prima Avellino, Noi Avellino e Popolo e Libertà

• Massimo Passaro sostenuto da Polis di Cittadini in Movimento

• Ferdinando Picariello del Movimento 5 Stelle

• Dino Preziosi sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia, UdC

• Amalio Santoro con Si Può

Elezioni comunali Avellino 2019 | Come si vota

Alle comunali di Avellino, così come negli altri comuni italiani, è ammesso il voto disgiunto: si può votare per un candidato sindaco e per la lista ad esso collegata o in alternativa può votare per un candidato sindaco e per una lista non collegata.

Nei comuni sino a 15mila abitanti viene eletto sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti ed alla lista vengono attribuiti tanti voti quanti quelli attribuiti al sindaco.

Il sindaco si elegge con sistema maggioritario, mentre la ripartizione dei seggi ai consiglieri avviene tramite sistema proporzionale.

Per garantire la governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco vincitore viene attribuito il 60 per cento dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il metodo D’Hondt.

Possono accedere al riparto dei seggi le liste che superano la soglia di sbarramento fissata al 3 per cento.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare
Politica / Mille euro di bonus vacanze per chi si vaccina: la proposta di un deputato di Forza Italia
Politica / L’ex sottosegretario di Prodi in piazza contro il Green Pass: “Sono complottologo”
Politica / Brunetta: “Vorrei il vaccino obbligatorio per i dipendenti pubblici”
Politica / A settembre si rischia ancora la Dad: dai vaccini ai trasporti, i nodi irrisolti. "È già tardi"
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”