Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Dopo il celebre discorso con cui “salvò l’euro”, il banchiere-premier si mette a dare lezioni a un gruppo di ragazzi tra i 6 e i 16 anni. Il loro dialogo sul nuovo numero di TPI, in edicola da venerdì 3 dicembre

Torre Maura, periferia di Roma. Il presidente del Consiglio Mario Draghi risponde alle domande di un gruppo di ragazzi sul futuro del Paese e della loro generazione. Il dialogo:

Draghi: «Mi ha fatto un piacere straordinario andare in giro e vedere che splendido posto è questo, che comunità fantastica. Siete parecchio fortunati, sapete, ad avere questo posto e queste persone che sono… Come definirle? Bravissime. Vi vogliono un bene straordinario, comincia tutto da lì, dal loro affetto e anche dall’affetto che vi sapete dare tra voi. Quindi appena si entra in questo posto si capisce subito che c’è un calore e un amore straordinario qui dentro, e da lì parte tutto, la vostra educazione, il vostro apprendimento, il vostro divertimento. Perché senza divertimento le cose non rimangono in testa. Quindi bravi, che bello. Grazie per avermi invitato oggi».

Una ragazza: «Secondo lei i ragazzi come faranno a trovare la loro strada nella vita? (…)».

Draghi: «È una domanda molto profonda. Ora parlo, come dire, come governo, come presidente del Consiglio. Quello che dovremmo fare è investire molto di più, creare tantissimi punti luce portare di più lo sport nelle scuole, e questo abbiamo iniziato a farlo. Fare della scuola stessa una comunità. Quindi avere il tempo pieno… Quello che continuiamo a dire è che bisognerebbe che, una volta finito l’orario scolastico, le ragazze e i ragazzi potessero tornare a scuola, stare aperti il pomeriggio per fare molte attività come fate qui. Quindi questo governo ha investito moltissimo, è stata destinata una somma molto grande di tanti miliardi per la creazione delle palestre nelle scuole, per il tempo pieno, quindi la situazione sta migliorando. Perché piano piano tutti noi, i grandi hanno cominciato a capire che voi siete al primo posto, e quindi… Ma non voglio fare un discorso, mi fermo qui».

Alessandro: «Buongiorno, mi chiamo Alessandro, ho 12 anni. Che lavoro voleva fare da grande?».

Draghi: «Ah ma guarda, da piccolo piccolo… Diciamo che non vi dico quello che volevo fare quando avevo cinque anni. Ma quello che volevo fare quando avevo da undici dodici anni fino ai venti: mi sarebbe piaciuto essere un atleta. Quello che mi piaceva di più era fare sport, e possibilmente essere un bravo giocatore di pallacanestro. Ho visto che mi hai guardato le gambe, perché effettivamente uno si chiede, ma come mai potevi nella tua testa avere l’ambizione di diventare un grande giocatore di pallacanestro, se sei così basso? Allora faccio una premessa, all’epoca la mia altezza andava benino per certi ruoli come quello del playmaker. Però per il resto no. Comunque è una delle tante cose che ho provato e non è andata bene, però mi sono divertito tantissimo nel frattempo. Poi mi sono reso conto piano piano che l’importante non è tanto quello che vuoi diventare, ma è quello che sei. L’esperienza più importante è ora, la cosa più importante è sempre quella che stai facendo in quel momento, ed è essenziale che uno si senta pienamente coinvolto da quello che sta facendo. La cosa che fa dispiacere, come a me è capitato tante volte, per questo me ne sono accorto, è quando uno non si sente più interessato da quello che fa, da dove si trova, dalle persone che vede. Ecco, questi sono i momenti che secondo me voi probabilmente, e lo spero, ne vivete di meno. Perché siete più giovani e più entusiasti e questo vi aiuta molto. Ma ricordatevi che sognare va bene, perché alla fine ci sono certe cose che piacciono di più e con cui uno si identifica, però quello che conta è oggi. Ora».

Il testo riporta la conversazione tra Draghi e i ragazzi del “Punto Luce” di Save The Children avvenuta il 23 novembre. Per leggere il dialogo completo sul settimanale The Post Internazionale-TPI clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / “Io alternativo agli ultra-liberisti, Draghi e Berlusconi hanno fatto danni” (di P. Maddalena)
Politica / Quirinale, Draghi lavora alla sua candidatura e avvia le “consultazioni” per il suo successore: Colao tra i favoriti
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Ti potrebbe interessare
Politica / “Io alternativo agli ultra-liberisti, Draghi e Berlusconi hanno fatto danni” (di P. Maddalena)
Politica / Quirinale, Draghi lavora alla sua candidatura e avvia le “consultazioni” per il suo successore: Colao tra i favoriti
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / Beppe Grillo, l’accusa della procura: “Ha veicolato le richieste di Moby ai politici”. Le pressioni in chat a Toninelli
Politica / Grillo indagato, cosa c’è da sapere sull’inchiesta per traffico di influenze
Politica / Quirinale, Sgarbi: “Berlusconi è triste, l’operazione scoiattolo s’è fermata”
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Politica / Quirinale, Salvini molla Berlusconi: “In arrivo una proposta della Lega per il Colle”
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini