Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Si dimette il coordinatore della Lega che aveva definito Liliana Segre “nonnetta mai eletta”

Di Laura Melissari
Pubblicato il 4 Nov. 2019 alle 18:14
1.4k
Immagine di copertina

Si dimette il coordinatore della Lega che aveva definito Liliana Segre “nonnetta mai eletta”

Il coordinatore della Lega di Lecce finito al centro della bufera dopo gli insulti alla senatrice Liliana Segre si è dimesso. Riccardo Rodelli aveva definito la sopravvissuta di Auschwitz una “nonnetta mai eletta”.

Le sue dimissioni sono state accolte dal partito di Salvini che ha preso le distanze dalle parole di Rodelli. “Prendo atto delle dimissioni da coordinatore cittadino della Lega a Lecce, rassegnate nelle scorse ore dall’avvocato Riccardo Rodelli. Questi ha chiarito (e non poteva essere diversamente) di aver espresso quelle parole esclusivamente a titolo personale e non nelle vesti di responsabile del nostro partito”, ha affermato il segretario provinciale Gianni De Blasi.

Rodelli aveva definito la senatrice a vita una “Mrs Doublfire di Palazzo Madama”, una “vecchietta ben educata reduce dai campi di concentramento”.

“Per quanto mi riguarda ritengo che le parole debbano avere sempre un senso e un peso. E che, pur nella durezza dello scontro politico, non si debba mai travalicare il limite. A maggior ragione nei confronti di chi ha vissuto sulla propria pelle le atrocità dell’Olocausto”, ha detto De Blasi.

Leggi anche:

Liliana Segre, delirio del dirigente leghista: “Nonnetta mai eletta, vuole mandare Salvini nei campi di concentramento”

Liliana Segre, la dura lettera del figlio Alberto: “Non vi meritate mia madre”

È vero, ha ragione suo figlio: noi non ce la meritiamo Liliana Segre

Liliana Segre consegna una pagina del suo diario dal lager per rispondere al centrodestra

Liliana Segre sull’astensione del centrodestra: “Credevo che la stagione dell’odio fosse finita, ma mi sbagliavo”

1.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.