Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Maio mette il veto su Fico, ma punta a un Conte bis: ecco le ultime mosse delle trattative Pd-M5S

Immagine di copertina
Roberto Fico e Lui gi D i Maio Credit: Ansa

Il nome del possibile premier è al centro della discussione per l'ipotetica maggioranza giallo-bruna

Di Maio mette il veto su Fico premier, ma punta a un Conte bis

Secondo giorno di consultazioni in Quirinale e intanto è in corso la trattativa Pd-M5S. Nodo chiave: il nome del possibile premier. Secondo ultime indiscrezioni il leader pentastellato Di Maio insisterebbe ancora per un Conte bis, ma avrebbe anche messo il veto su Roberto Fico, presidente della Camera.

A fare le prime mosse per l’apertura alla maggioranza giallo-bruna le fa il segretario dem Nicola Zingaretti con l’agenda programmatica in cinque punti e un “ok a un posto di ministro per Di Maio” decisi durante la direzione al Nazareno del 21 agosto.

> Consultazioni al Quirinale, Zingaretti a Mattarella: “Serve un governo di svolta alternativo alle destre”

Di Maio mette il veto su Fico premier: ecco cosa significherebbe

Un ipotetico governo Fico, con il capo politico senza incarichi di prestigio, renderebbe evidente il ribaltone che, seppure un po’ strisciante,  si sta verificando nel M5S a partire dall’apertura della crisi innescata da Salvini.

Se si arrivasse a raggiungere questo obiettivo, verrebbe premiata la strategia tenuta da Fico durante tutti i 14 mesi segnati dal governo giallo-verde. Una tattica che si è ha sempre avuto un puntuale contro attacco di Salvini, soprattutto sul cavallo di battaglia leghista dell’immigrazione.

Questa opzione è stata legittimata dalla posizione istituzionale ricoperta dallo stesso Fico che, al contempo, ha saputo mantenere costante il filo diretto con il garante del movimento Beppe Grillo.

In questa direzione vanno le posizioni più morbide di coloro che erano stati espulsi dal M5S in polemica con le scelte del gruppo parlamentare e di Di Maio.

Intanto ieri Fico è salito al Quirinale, come terza carica dello Stato, per il primo round di consultazioni. Una prova generale, se si concretizzasse l’ipotesi di un mandato esplorativo affidato da Sergio Mattarella al Presidente della Camera per verificare la possibilità di costruire una maggioranza tra il M5s, il Pd e Leu.

Tentativo già fatto da Fico all’indomani delle elezioni politiche del 4 marzo 2018 e naufragato dopo il no di Matteo Renzi. Ma per stoppare le spinte centrifughe, ieri il M5s ha diffuso una nota dei capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli: “il Movimento è unito e compatto intorno al capo politico”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi non percepisce compensi come premier
Politica / Elisabetta Belloni prima donna al vertice dei servizi segreti
Politica / Draghi: "Sulle riaperture andiamo per gradi. Brevetti liberi? Prima superare il blocco dell'export"
Ti potrebbe interessare
Politica / Mario Draghi non percepisce compensi come premier
Politica / Elisabetta Belloni prima donna al vertice dei servizi segreti
Politica / Draghi: "Sulle riaperture andiamo per gradi. Brevetti liberi? Prima superare il blocco dell'export"
Politica / Piero Angela: “Serve il bis al Quirinale, ho chiesto a Mattarella di ricandidarsi”
Politica / Nel decreto Sostegni bis Orlando commissaria Anpal e liquida Parisi
Opinioni / Caos Rai: la Vigilanza chiederà a Viale Mazzini di bloccare l'approvazione dei palinsesti
Politica / Quella volta che i lavoratori dell’autogrill non vollero servire Almirante
Politica / Veltroni sbarca su Radio 1: condurrà un programma. Mossa per il Quirinale?
Politica / Il deputato Fiano si commuove in Aula mentre parla del conflitto Israele-Palestina
Politica / Roma, sondaggi pessimi per Gualtieri: non arriva al ballottaggio. In testa c’è Bertolaso