Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

C’è un motivo per cui il Vaticano non fa più sentire la sua voce sul ddl Zan: perché non passerà mai

Immagine di copertina

sa che Come mai il Vaticano da qualche tempo ufficiosamente ostenta “tranquillità” sulla questione del ddl Zan? Perché non ne parla più apertamente? È tutto dovuto solamente alla “gaffe” dell’ormai famosa lettera o c’è dell’altro? “Molto spesso gli estremi si toccano e stavolta sono pure tacitamente alleati”, rivela una fonte vicinissima al dossier.

Ad un primo esame freddo delle posizioni, la lettera riservata fatta giungere al Governo italiano dalla Santa Sede e l’irremovibile fermezza assunta da Enrico Letta e dal suo Pd sembrano lontanissime ed inconciliabili. Per l’appunto, sembrano.

Ad un esame più approfondito, tuttavia, la rigidità del Partito democratico non ha giustificazione alcuna. “Sono almeno tre mesi che tutti sanno che sul ddl Zan non c’è una maggioranza”, ci confida un perplesso senatore dem, riferendosi alla dozzina e oltre di franchi tiratori  che si prevedono al Senato.

E allora dove porta la rigidità di Letta e del suo prode Franco Mirabelli, capogruppo Pd nella famigerata commissione Giustizia? Nota a margine: Mirabelli è un cattolico di rito franceschiniano nel senso di Dario Franceschini, che finora chissà perché non ha mai aperto bocca sulla questione: silenzio dissenso?

“Glielo dico io”, aggiunge il solito senatore disincantato. “Porta il provvedimento a schiantarsi”. Questo spiegherebbe anche la tranquillità di queste ore in Vaticano.

“I cardinali si disinteressano completamente della mediazione di Italia Viva perché dal Nazareno gli è stato assicurato che del ddl Zan non si sentirà più parlare”, conferma un parlamentare che ha frequente accesso alle confidenze di Matteo Renzi.

Una partita win win, quindi, per il furbo Letta (e per gli alti prelati d’Oltretevere, sempre tanto ascoltati dal leader dem). Il segretario accontenterebbe così i desiderata della Santa Sede e, al tempo stesso, potrebbe accusare del misfatto, ovvero della bocciatura del disegno di legge, i due Matteo (Salvini e Renzi). Chapeau al Nazareno per la raffinatissima strategia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, dietrofront di Pichetto: “Non ce l’avevo con i sindaci. La mia dichiarazione di ieri è stata un po’ forte”
Politica / Camera, i deputati si regalano il maxi bonus di Natale: 5.500 euro per comprare tablet, telefoni e pc
Politica / Manovra 2023, Meloni: “Pronta a fare scelte anche se costano voti”
Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, dietrofront di Pichetto: “Non ce l’avevo con i sindaci. La mia dichiarazione di ieri è stata un po’ forte”
Politica / Camera, i deputati si regalano il maxi bonus di Natale: 5.500 euro per comprare tablet, telefoni e pc
Politica / Manovra 2023, Meloni: “Pronta a fare scelte anche se costano voti”
Politica / Ischia, scoppia il caso per le parole del ministro Pichetto Fratin: “In galera il sindaco e chi lascia costruire”
Politica / Ischia, polemiche sul decreto del 2018. Conte: “Sbloccammo una situazione ingestibile“. Renzi: “Fu un condono”
Politica / De Petris a TPI: “Il Pd non può più essere il primo partito del centrosinistra”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Politica / Piccolotti a TPI: “Se il Pd rompe ancora, gli elettori lo puniranno di nuovo”
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono