Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Crisi di governo, il totoministri del Conte ter: Renzi sogna Boschi all’Economia, out Bonafede e Azzolina, pronti a entrare Delrio e Orlando

Immagine di copertina

Crisi di governo, dalla Boschi a Delrio: il totoministri

Da Maria Elena Boschi a Graziano Delrio: sono solo alcuni dei nomi, secondo l’ultimo totoministri, che circolano qualora la crisi di governo (qui le ultime notizie) dovesse risolversi con l’avvio di un Conte ter.

Dando per scontata la riconferma di Giuseppe Conte come premier (l’alternativa sarebbe un governo istituzionale o guidato da Mario Draghi o con l’ex presidente della Bce nel ruolo di ministro dell’Economia), resta da capire quanti ministri del Conte bis verrebbero riconfermati e quali sarebbero le new entry.

Secondo l’ultimo totoministri proposto dal Corriere della Sera, Matteo Renzi avrebbe chiesto per Italia Viva almeno due dicasteri di peso indicando quattro ipotesi: Economia, Istruzione, Infrastrutture e Lavoro.

Secondo Renzi, infatti, l’attuale ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, sarebbe troppo vicino a Conte. Gualtieri, che ieri ha incassato parole di apprezzamento dal leader di Confindustria, Carlo Bonomi, è apprezzato dal Quirinale, che accetterebbe una sua sostituzione solo con un candidato all’altezza.

Se Gualtieri non dovesse essere riconfermato, ecco che la scelta ricadrebbe su un tecnico: i nomi che circolano sono quelli di Fabio Panetta, ex direttore generale della Banca d’Italia, e dell’attuale direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini.

Renzi, però, non si accontenterebbe di incassare due ministeri di peso, ma avrebbe anche chiesto la “testa” di due ministri uscenti: quella della titolare del dicastero dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e soprattutto quella del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Quest’ultimo potrebbe diventare capogruppo del Movimento 5 Stelle ed essere così sostituito da un tecnico in modo da “depoliticizzare” un ministero così importanti.

Per il ministero della Giustizia, quindi, si fanno i nomi di Sabino Cassese, del procuratore di Milano Francesco Greco, dell’ex presidente della Consulta, Marta Cartabia, e di Andrea Orlando e Paola Severino, che hanno già ricoperto questo ruolo in passato.

Secondo diversi rumors, Renzi vorrebbe addirittura tentare il colpaccio tentando di piazzare Maria Elena Boschi all’Economia: ipotesi alquanto fantasiosa per i motivi precedentemente elencati.

Più probabile un suo approdo alle Infrastrutture che sarebbero spacchettate dai Trasporti, che potrebbero andare al dem Graziano Delrio o al M5s Stefano Buffagni.

Per la Boschi si fa strada anche l’ipotesi Difesa con l’attuale ministro, Lorenzo Guerini, che a quel punto finirebbe all’Interno. In alternativa, soprattutto se il Movimento 5 Stelle ponesse un veto sulla Boschia, potrebbe essere Rosato, esponente di Italia Viva, a ottenere il dicastero dell’Interno.

In casa Pd sembra essere certo l’ingresso del vice segretario Andrea Orlando, alla Giustizia come detto o, in alternativa, nel ruolo di vice premier o in quello di sottosegretario con la delega al Recovery.

I 5 Stelle rischiano di perdere il dicastero del Lavoro, attualmente assegnato a Nunzia Catalfo. Stefano Patuanelli, invece, potrebbe prendere il posto di Riccardo Fraccaro come sottosegretario alla presidenza del Consiglio, mentre Giancarlo Cancelleri potrebbe entrare nel governo e sostituire Giuseppe Provenzano al dicastero per il Sud.

All’ala ribelle del Movimento, guidata da Alessandro Di Battista, potrebbe essere assegnato il dicastero dell’Innovazione o dell’Ambiente, mentre Bruno Tabacci, leader degli “Europeisti”, gruppo diventato in qualche modo “protagonista” di questa crisi di governo, potrebbe entrare nell’esecutivo come ministro della Famiglia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra