Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il Governo striglia le Regioni e valuta la stretta: verso un nuovo Dpcm con coprifuoco dalle 22

Immagine di copertina
Il premier Giuseppe Conte. Credit: ANSA

L’ultimo Dpcm anti-Covid è entrato in vigore da poco più di 72 ore, ma il repentino incremento dei contagi registrati negli ultimi giorni potrebbe spingere il Governo a varare un nuovo provvedimento più restrittivo. Tra le misure allo studio, si fa probabile l’introduzione del coprifuoco a partire dalle ore 22, oltre all’intensificazione dello smart working e allo stop per gli sport di contatto. Il nuovo Dpcm potrebbe essere varato tra domenica 18 e lunedì 19 ottobre.

A spingere per una ulteriore stretta è in particolare il Partito democratico, mentre il premier Giuseppe Conte – pur preoccupato per l’arrivo della seconda ondata – ritiene importante che le restrizioni imposte agli italiani si mantengano “proporzionate” e teme soprattutto per la tenuta del tessuto economico. La maggioranza è compatta almeno su due punti: evitare un secondo lockdown e mantenere le scuole aperte.

Su quest’ultimo punto filtra dal Governo irritazione per il pressing di alcune Regioni sulla didattica a distanza. La fuga in avanti del presidente campano De Luca ha mandato su tutte le furie la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e anche Francesco Boccia, delegato alle Autonomie. Così come non è piaciuta l’analoga ordinanza della Regione Lombardia (dove è prevista didattica online alternata a quella in presenza).

Alle Regioni viene rimproverato dal Governo di non aver saputo gestire il tema del trasporto pubblico locale né l’organizzazione dei tamponi. Ma non solo. Al commissario Domenico Arcuri non tornano i conti sulle terapie intensive: dei ventilatori forniti alle Regioni per curare i malati Covid più gravi, circa 1.600 risultano non attivati. E di questi 1.600 circa 150 sono proprio nella Campania di De Luca. Il ministro Boccia sembra dunque intenzionato a dare una strigliata ai governatori nel vertice di questa mattina nella sede della Protezione Civile.

Il numero dei ricoverati in terapia intensiva è ancora sotto controllo: ad oggi siamo a 638 posti occupati da pazienti su una disponibilità totale di 6.458 postazioni attive. Ma il Governo ritiene probabile che si arriverà a quota mille. Nel caso in cui si superassero i 2.500 ricoveri in terapia intensiva, significherebbe che la situazione è allarmante.

Ecco allora che per allontanare quello scenario e per scongiurare un secondo lockdown, potrebbero essere emanate nelle prossime ore nuove restrizioni, più severe rispetto a quelle da poco entrare in vigore (obbligo di mascherine all’aperto, divieto di feste private e chiusura alle 24 imposta a bar e ristoranti). L’ipotesi al momento più concreta è quella di un coprifuoco generalizzato dalle ore 22, accompagnata da un incremento dello smart working, almeno per la Pubblica Amministrazione, e dalla sospensione delle attività sportive per gli sport di contatto. Più remota, invece, l’idea di lockdown limitati ai weekend.

Leggi anche: 1. Allarme terapie intensive: ecco la situazione regione per regione. Se i casi aumentano non siamo pronti / 2. E alla fine lo hanno fatto: gli sceriffi governatori scavalcano il governo e chiudono le scuole (per colpa loro) – di Luca Telese / 3.  “Ora fermiamoci 3 settimane”: parla Crisanti

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)