Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Sorpresa, il primo post di Salvini oggi non è sul Coronavirus

Immagine di copertina
Matteo Salvini

Dopo aver insistito per giorni sul Coronavirus, attaccando pesantemente il governo e inondando le sue pagine social di post, Matteo Salvini stamattina si concede una “pausa”.

Almeno per adesso, non sono ancora apparsi commenti sulla pagina Facebook del leader della Lega che abbiano a che fare con il virus proveniente dalla Cina.

Salvini, va precisato, ha in realtà fissato in testa alla sua pagina Facebook un post sul Coronavirus risalente a ieri, venerdì 31 gennaio, che resta dunque il primo contenuto che viene visualizzato dagli utenti.

Oggi, tuttavia, l’ex ministro dell’Interno ha dato il buongiorno ai suoi follower occupandosi d’altro. Nello specifico, Salvini ha postato un video della trasmissione di Rete 4 “Stasera Italia”, in cui un imprenditore denuncia il fatto di dover pagare troppe tasse e di essere costretto, per questo motivo, a indebitarsi.

Salvini commenta il servizio con toni indignati, chiamando in causa le responsabilità e le priorità del governo M5s-PD: “Siamo alla follia: indebitarsi per poter pagare le tasse… Ma si può??? Ma per il Pd la prorità dell’Italia è cancellare i decreti Sicurezza…”.

Insomma, non manca nemmeno stamattina il consueto attacco all’esecutivo giallorosso, ma il mirino, almeno per qualche ora, si sposta dal Coronavirus ai temi delle tasse e del lavoro (senza far mancare un riferimento ai decreti sicurezza).

Vedremo se nel resto della giornata Salvini tirerà nuovamente fuori il virus cinese o si concentrerà, dopo diversi giorni, su altro.

Oggi il ministro della Salute Roberto Speranza ha replicato agli attacchi del leader della Lega sul Coronavirus: “Abbiamo agito con la massima serietà, il massimo rigore” e “io non faccio polemica su una vicenda come questa. Non è il momento di dividersi tra maggioranza e opposizione, per vincere la sfida bisogna stare uniti”. “Siamo un grande Paese e non dobbiamo avere paura”, ribadisce su Repubblica Speranza: si affronta il virus “come fosse la peste o il colera”.

Leggi anche:

Salvini interviene sul coronavirus: le sue richieste per evitare il contagio in Italia | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale