Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il rettore dell’Università di Firenze: “Conte tornerà a insegnare, ha nostalgia degli studenti”

Immagine di copertina
Giuseppe Conte. Credit: Facebook

“Ho sentito Giuseppe Conte, lo vedrò la prossima settimana e il primo marzo tornerà ad insegnare da noi, diritto privato oppure civile. Mi ha detto che ha molta nostalgia degli studenti, mi è parso avesse voglia di tornare all’Università, ama molto la parte didattica del nostro lavoro”. Lo ha detto il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1.

“L’inizio delle lezioni da noi è fissato per il primo marzo. Da noi lui ha insegnato Diritto Privato e Diritto Civile. Non sono io a decidere cosa insegnerà, decide il Dipartimento. Ha detto che ha molta nostalgia degli studenti, l’ho sentito come una persona che ha voglia di tornare nella sua università e vuole riprendere il filo con gli studenti. Ricordo che, da presidente del Consiglio, è tornato qui per tenere una lezione di diritto agli studenti del primo anno”, spiega Dei. Ci sarà la folla di studenti e l’aumento delle iscrizioni per l’ex premier? “Può darsi, si dice sia molto popolare”.

Conte tornerà quindi a fare il professore all’università, come dichiarato da lui stesso davanti alle telecamere amiche del Fatto Quotidiano. “Il mio futuro politico? Ora il mio futuro immediato sarà il rientro come professore all’Università. È terminata l’aspettativa quindi tornerò a Firenze”.L’ormai ex presidente del Consiglio non ha però chiarito quale sarà il suo futuro politico: “Ci sono molti modi per partecipare alla vita politica. Adesso lo vedremo insieme agli amici con cui abbiamo lavorato”. E sull’alleanza per lo sviluppo sostenibile con 5 stelle, Pd e Leu ha specificato: “Quello è un progetto che io non ho declamato a caso, ma è un progetto che abbiamo iniziato a realizzare e che ha già prodotto dei risultati e altri vanno ancora realizzati. È un progetto a cui credo molto sia da politico che da provato cittadino e da ex presidente del Consiglio. A questo progetto – conclude – continuerò a dare il mio contributo nelle modalità anche decideremo insieme”.

Leggi anche: Non sarà l’applausometro a dare un giudizio sul governo Conte (di S. Mentana)

Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette