Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Como, peformer “dominatrice” candidata nelle liste di Azione: “Partito a me affine”. Ma Calenda frena

Immagine di copertina

Doha Zaghi, candidata alle elezioni amministrative di Como in programma il prossimo 12 giugno con Azione, di professione farebbe la “dominatrice”, “mistress”, e per questo sta facendo molto parlare di sé. “Benvenuto nel mio Impero! Sono Lady Demonique, una vera Imperatrice, una Cleopatra dei tempi moderni, eccentrica, trasgressiva, sexy, elegante, doppia, l’opposto di se stessa con una buona dose di Trash”, si legge sul suo sito. Inserita nelle liste a sostegno della candidata sindaco per il comune di Como Minghetti, dice che il partito di Carlo Calenda è l’unico al quale si sente affine.

“È liberista ed europeista”, ha dichiarato Zaghi alla Provincia di Como. Il suo lavoro consiste nell’organizzare incontri sadomaso in giro per l’Italia con persone che la contattano a telefono per ricevere in cambio dei “regali”. Ma guai a chiamarla escort. Si definisce imprenditrice digitale e performer. “Non ho clienti, non intrattengo con loro veri rapporti sessuali”, sottolinea. E i regali sono solo omaggi o contributi per acquistare i suoi video.

31 anni, in politica ha mosso i primi passi già al liceo, e non crede che la professione di performer debba essere un ostacolo alla carriera politica. “Non sono una pornostar e comunque anche di pornostar ce ne sono già state in politica, da Moana Pozzi a Cicciolina. Siamo sempre ai soliti discorsi all’italiana, sono solo pregiudizi”. “Noi siamo liberali, tolleranti e democratici, in ciò che fa la nostra candidata non c’è nulla di illegale. Non sindachiamo le scelte personali, candidarsi è un diritto. E io ho trovato una persona molto appassionata, con tante idee interessanti relative alla nostra città”, ha detto il referente cittadino di Azione Andrea Luppi.

Ma dal leader Carlo Calenda è arrivato lo stop. “Ragazzi, scherzi a parte, come ovvio non conoscevo i trascorsi della signora in questione. Se si trattasse di fatti privati nulla questio, ma direi che non ci sono i pressupposti perché sia una candidata di Azione. Domani me ne occuperò”, ha annunciato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Giornata contro l’omofobia, la destra contro la circolare alle scuole: “Promuove l’ideologia gender”. M5S: “Protesta oscena”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Ti potrebbe interessare
Politica / Giornata contro l’omofobia, la destra contro la circolare alle scuole: “Promuove l’ideologia gender”. M5S: “Protesta oscena”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Politica / Renzi su Elisabetta Franchi: “Frasi inaccettabili, nel mio governo le ministre hanno fatto tre figli in tre anni”
Politica / Alpini, Roberto Fico: “Siamo un Paese maschilista. Chi ha subito molestie denunci”
Politica / Consigliere leghista prova su se stesso il dissuasore elettrico di cui vorrebbe dotare la polizia | VIDEO
Politica / Salvini a processo per il caso Open Arms, l’ex capomissione: “Che nessuno resti impunito”
Esteri / Draghi: “Usa e Russia si siedano a un tavolo, una pace imposta sarebbe un disastro”
Costume / #SenzaGiridiBoa: la campagna social delle donne per dire No al modello Elisabetta Franchi
Esteri / Draghi a Biden: “Italia e in Europa le persone vogliono la fine di questi massacri”