Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Cdp, Draghi scarica l’ad Palermo: malumore tra i grillini, Conte accusato di immobilismo

Immagine di copertina

È ormai tempo di nomine, di quelle che contano veramente. Alcune più importanti di molti ministeri. Come già ampiamente anticipato da TPI, Egon Zehnder ha ormai terminato il lavoro preparatorio delle short-list che finiranno poi nelle mani del ministro dell’Economia Franco e quindi del capo del governo Mario Draghi. La notizia del giorno però è un’altra: Draghi respinge Conte (con perdite).

Ferraris in Ferrovie è una partita ormai quasi chiusa ormai, mentre la riconferma di Palermo in CDP (Cassa Depisti e Prestiti, ndr) appare sempre più in forte bilico, tanto da aver allarmato le chat dei Cinque Stelle, che da qualche ora non fanno altro che rimbalzare la notizia: Fabrizio Palermo non sarà riconfermato.

Il vero dato politico in questa cornice è proprio la grande sconfitta di Giuseppe Conte, ormai da settimane ai vertici del Movimento ma mai in grado di incidere veramente, di entrare in partita, di poter dire la sua sulle scelte strategiche di Palazzo Chigi e del governo.

Una passività che in queste ore sta facendo infuriare anche il gruppo parlamentare grillino, che sente erodere il suo peso all’interno del Parlamento, malgrado sia ancora la prima forza politica in maggioranza.

Dal canto suo, invece, il sornione Luigi Di Maio continua a giocare nell’ombra e in silenzio, con canali aperti e trasversali: da Ferraris a Scannapieco, che il capo della diplomazia avrebbe incontrato in più di una occasione. E che potrebbe presto salire al vertice della CDP di Mario Draghi.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”
Politica / Vaccini, De Luca ci ripensa: anche la Campania si adegua al "mix vaccinale"
Politica / Nomine Rai, le anticipazioni su TPI: spuntano due nuovi nomi per i vertici di Viale Mazzini