Me

La promessa di Casapound: “Domani in piazza non faremo il saluto romano”

Alla vigilia della manifestazione della Lega a Roma, il segretario del movimento di estrema destra Di Stefano parla del "gesto sacro"

Di Donato De Sena
Pubblicato il 18 Ott. 2019 alle 15:23 Aggiornato il 18 Ott. 2019 alle 15:24
Immagine di copertina

Casapound: no al saluto romano in piazza

Domani, sabato 19 ottobre, Casapound sarà in piazza a Roma per l’attesa manifestazione della Lega e promette che non ci sarà nessun saluto romano. “È sicuro – ha scritto oggi il segretario del movimento di estrema destra Simone Di Stefano su Twitter -: se qualche mentecatto domani farà il saluto romano in piazza non sarà certo un militante di Casapound”.

“Per noi – ha proseguito Di Stefano – è un gesto sacro da rivolgere solo ai caduti. Chi lo fa in piazza ad una manifestazione di centrodestra è una scimmia mitomane al servizio dei media”.

La protesta di Casapound: statue imbavagliate di rosso in tutta Italia contro la “censura” su Facebook

A rendere ufficiale la partecipazione di Casapound alla manifestazione indetta dalla Lega è stato lo stesso Di Stefano, che, sempre su Twitter, due giorni fa ha scritto: “Sarò anche io in piazza sabato 19. Non è il momento di dividere, ma di unire. Vogliamo portare i nostri temi e le nostre idee, perché questa opposizione non si riduca a parlare solo di immigrazione e tasse, ma anche e sopratutto di casa, lavoro, figli, salari e Stato sociale”.

casapound saluto romano
Un tweet di Simone Di Stefano

Ovviamente la partecipazione di militanti di Casapound ad una manifestazione del centrodestra che rappresenta oggi quasi la metà degli elettori italiani ha fatto molto discutere. In Forza Italia non tutti hanno gradito l’adesione del loro partito all’iniziativa lanciata da Matteo Salvini. E critiche sono arrivate anche dalla maggioranza di governo.

Il deputato Pd Emanuele Fiano ha scritto in un post: “Se in Germania la Cdu sfilasse insieme ad una sigla orgogliosamente fascista come Casapound verrebbe convocato il Parlamento in seduta speciale, in Francia la destra conservatrice neogollista non ha mai accettato di manifestare insieme alla Le Pen, neanche dico ai gruppetti neofascisti. In Italia alla manifestazione di domani la Lega di Salvini e Fratelli d’Italia della Meloni manifesteranno insieme ai cosiddetti moderati di Berlusconi e ai fascisti di Casapound. Il Ppe sfila con i fascisti. È evidente che urge la revisione del termine ‘moderati’ nei nostri dizionari”.

Mulè: “Forza Italia in piazza con Casapound? Andiamo in maniera convinta”

Berlusconi: “Casapound in piazza? Non lo so e non mi interessa”