CasaPound: da “prima gli italiani” a “prima gli abusivi”, purché non siano rom

Il commento di Luca Telese

Di Luca Telese
Pubblicato il 9 Apr. 2019 alle 10:46 Aggiornato il 18 Apr. 2019 alle 09:23
0
Immagine di copertina
Militanti di Casapound contro l'insediamento rom di Casal Bruciato, Roma, 15 settembre 2018. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Fra le geniali trovate propagandistiche di Casapound c’è questa singolare idea: bisogna chiudere urgentemente i campi Rom, ma bisogna anche impedire che i Rom vadano ad abitare nelle case, soprattutto se ne hanno i titoli.

Meraviglioso paradosso: quelli che come simbolo hanno il Palazzo Occupato, invece di essere sgombrati come abusivi, se la prendono con la famiglia dei legittimi assegnatari e si mettono ad organizzare – megafono alla mano – lo sgombero degli aventi diritto.

Lo slogan, è quello di sempre: “Prima gli italiani”. Impugnato, nientemeno, da una ragazza che – per sua stessa ammissione – non aveva fatto nemmeno domanda di alloggio: “Non serve, mia madre fece una domanda, venticinque anni fa, e non ottenne nessuna risposta”.

Sarebbe più appropriato accompagnarla con il grido: “Prima gli abusivi”. Quindi quelli che imputano ai Rom di essere un problema perché non rispettano la legge, sono gli stessi che fanno vanto di violare la legge e danno supporto megafonato a chi non la rispetta.

Fateci caso: in questo mondo di valori rovesciati la famiglia Rom anche mediaticamente non esiste, scompare: tutti intervistano l’abusiva, Noemi, e molti oscurano che la rinuncia ad assegnare l’alloggio alla famiglia che aveva diritto – la vera notizia di ieri – è una vergogna.

Nota: la ragazza Noemi ha 20 anni e non ha fatto domanda. La famiglia assegnataria – invece – a Torre Maura aveva ottenuto la casa perché aveva presentato la sua richiesta quando ancora governava Alemanno.

Tuttavia non si leggono editoriali. L’unico vero commento è quello (coraggioso) riportato ieri da TPI, della mitica signora Antonietta, 85 anni, che incurante degli insulti diceva ai megafonanti: “Siete solo dei fascistoni, mi fate schifo”.

Il punto però è sempre questo: le istituzioni cedono (ed è la seconda volta) alla legge della giungla, e la famiglia che viene cacciata perde la sua identità, la sua storia, la sua dignità e diventa semplicemente “Zingari”. Orrore.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.