Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

CasaPound: da “prima gli italiani” a “prima gli abusivi”, purché non siano rom

Immagine di copertina
Militanti di Casapound contro l'insediamento rom di Casal Bruciato, Roma, 15 settembre 2018. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Il commento di Luca Telese

Fra le geniali trovate propagandistiche di Casapound c’è questa singolare idea: bisogna chiudere urgentemente i campi Rom, ma bisogna anche impedire che i Rom vadano ad abitare nelle case, soprattutto se ne hanno i titoli.

Meraviglioso paradosso: quelli che come simbolo hanno il Palazzo Occupato, invece di essere sgombrati come abusivi, se la prendono con la famiglia dei legittimi assegnatari e si mettono ad organizzare – megafono alla mano – lo sgombero degli aventi diritto.

Lo slogan, è quello di sempre: “Prima gli italiani”. Impugnato, nientemeno, da una ragazza che – per sua stessa ammissione – non aveva fatto nemmeno domanda di alloggio: “Non serve, mia madre fece una domanda, venticinque anni fa, e non ottenne nessuna risposta”.

Sarebbe più appropriato accompagnarla con il grido: “Prima gli abusivi”. Quindi quelli che imputano ai Rom di essere un problema perché non rispettano la legge, sono gli stessi che fanno vanto di violare la legge e danno supporto megafonato a chi non la rispetta.

Fateci caso: in questo mondo di valori rovesciati la famiglia Rom anche mediaticamente non esiste, scompare: tutti intervistano l’abusiva, Noemi, e molti oscurano che la rinuncia ad assegnare l’alloggio alla famiglia che aveva diritto – la vera notizia di ieri – è una vergogna.

Nota: la ragazza Noemi ha 20 anni e non ha fatto domanda. La famiglia assegnataria – invece – a Torre Maura aveva ottenuto la casa perché aveva presentato la sua richiesta quando ancora governava Alemanno.

Tuttavia non si leggono editoriali. L’unico vero commento è quello (coraggioso) riportato ieri da TPI, della mitica signora Antonietta, 85 anni, che incurante degli insulti diceva ai megafonanti: “Siete solo dei fascistoni, mi fate schifo”.

Il punto però è sempre questo: le istituzioni cedono (ed è la seconda volta) alla legge della giungla, e la famiglia che viene cacciata perde la sua identità, la sua storia, la sua dignità e diventa semplicemente “Zingari”. Orrore.

Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Politica / Berlusconi strizza l’occhio al M5S: “Ha dato voce a disagio reale che merita rispetto”
Politica / I sindacati si spaccano: Cgil e Uil proclamano lo sciopero generale, la Cisl non aderisce
Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Politica / Berlusconi strizza l’occhio al M5S: “Ha dato voce a disagio reale che merita rispetto”
Politica / I sindacati si spaccano: Cgil e Uil proclamano lo sciopero generale, la Cisl non aderisce
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto