Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Bossi jr., Siri e ora Giorgetti: quando le colpe dei padri in politica ricadono sui figli

Immagine di copertina
Credit : AGF
Da ex ministri a leader di partito, è lunga la galleria di rampolli di dinastie politiche finiti nel tritacarne mediatico a causa dei genitori troppo ingombranti. Le colpe dei padri ricadono, eccome, sui figli. Il caso di scuola principale incrocia il destino del Trota, al secolo Renzo Bossi. Il padre, il Senatur Umberto, ha fatto ombra, affibbiandogli anche quel soprannome, il Trota appunto, che lo ha accompagnato per tutta la vita. Ma non è solo questione di nomignoli. Nel 2012, Bossi jr, eletto consigliere regionale in Lombardia, fu costretto alle dimissioni per il coinvolgimento nel finanziamento alla Lega, con la contestazione della laurea comprata a Tirana, in Albania. Il suo percorso giudiziario, dopo la condanna in primo grado, si è chiuso nel 2019 con il non luogo a procedere da parte della Corte d’Appello di Milano. Dopo tante paturnie, legate al padre, l’ancora di salvezza arrivò dalla Lega che non aveva presentato querela nei confronti di Bossi. Un altro case history è quello di Luca Lupi, figlio di Maurizio Lupi, ex ministro delle Infrastrutture. Fu tirato in ballo nella vicenda relativa alla maxi inchiesta sulle tangenti per le grandi opere. Né il padre, né il figlio furono iscritti nel registro degli indagati, ma fece molto scalpore il rolex da 10mila euro regalato a Luca dall’imprenditore Perotti, amico di famiglia. E soprattutto, secondo le intercettazioni, l’allora ministro avrebbe cercato una raccomandazione per il figlio. Maurizio Lupi ha sempre smentito, ma di fatto il figlio è ricordato da tutti per le questioni legate al genitore.

Palazzine & assunzioni

Sorte simile è capitata a Cristiano Di Pietro, erede del fondatore dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro. Cristiano fu coinvolto in un’inchiesta Global service, nel 2008. Si dimise dal partito anche prima di essere indagato. Nella lettera in cui annunciava la decisione, mise nero su bianco la sua condizione: «La mia unica colpa è quella di essere figlio di mio padre. Per colpire lui stanno colpendo me, mia moglie ed i miei tre figli». Ma ci sono vicende più recenti. Basti pensare all’ex sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri, che pensò bene di intestare alla figlia una palazzina, con sette appartamenti a Bresso, comune del milanese. L’operazione finì sotto la lente di ingrandimento per l’ipotesi di reato di autoriciclaggio, perché i mutui concessi dalla Banca agricola commerciale di San Marino, apparivano anomali. Di diversa natura, ma comunque di impatto mediatico, è la storia che ha riguardato il sottosegretario del governo Draghi, Bruno Tabacci, che deteneva la delega all’Aerospazio mentre il figlio Simone veniva assunto a Leonardo. Per evitare la graticola al rampollo, è stato il navigato deputato a rinunciare alla delega governativa che aveva creato più di qualche imbarazzo in famiglia. E seppure non di figli si tratta, c’è un altro scandalo entrato negli almanacchi politici: quello dell’allora ministra dello Sviluppo economico, Federica Guidi, che riceveva pressioni dal suo (ora ex) compagno, Gianluca Gemelli, per ricevere favori ed essere introdotto nel sistema di potere. «Non mi puoi trattare come una sguattera», si lamentò lei. Finendo per dover rassegnare le dimissioni per quelle intercettazioni, non rilevanti penalmente ma imbarazzanti politicamente.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / Beppe Grillo, l’accusa della procura: “Ha veicolato le richieste di Moby ai politici”. Le pressioni in chat a Toninelli
Politica / Grillo indagato, cosa c’è da sapere sull’inchiesta per traffico di influenze
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / Beppe Grillo, l’accusa della procura: “Ha veicolato le richieste di Moby ai politici”. Le pressioni in chat a Toninelli
Politica / Grillo indagato, cosa c’è da sapere sull’inchiesta per traffico di influenze
Politica / Quirinale, Sgarbi: “Berlusconi è triste, l’operazione scoiattolo s’è fermata”
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Politica / Quirinale, Salvini molla Berlusconi: “In arrivo una proposta della Lega per il Colle”
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini
Politica / Quirinale, Bettini a TPI: “Conte prezioso per il Movimento 5 Stelle e per l’Italia”
Politica / Quirinale, no alle schede “segnate”: Roberto Fico complica i piani del centrodestra