Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Bonaccini: “Io candidato alle primarie Pd? Vedremo. Mi interessa solo riportare milioni di elettori persi”

Immagine di copertina
Stefano Bonaccini Credits: ANSA

“Mi candido come segretario? Vedremo. Mi interessa solo riportare al Pd milioni di elettori persi. E per quanto riguarda il Covid adesso servono nuove strette”: prende la parola il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, rilasciando diverse interviste nei giorni successivi alle dimissioni di Zingaretti da segretario del Partito Democratico.

Il ruolo da segretario del Pd

Bonaccini commenta il futuro dei dem a Cartabianca su Rai3: “Va trovato un accordo, ci manca solo che proroghiamo questa crisi che lascia sbalordito il Paese”, spiega. “Letta? Come si fa a dire che Letta non è autorevole? Sarebbe molto autorevole”, risponde il presidente della Regione Emilia Romagna, che non esclude nemmeno una sua discesa in campo. 

“Renzi? Mi interessa riportare milioni elettori persi”

“Mi candido al congresso? Non lo so. Io mi sono sempre messo a disposizione. Quando ci saranno le primarie vedremo. Ma ora non interessa gli italiani, interessano i vaccini”, rimarca Bonaccini.

E sul leader di Italia Viva sottolinea: “A me interessa ben poco di Renzi o di altri cognomi, a me interessa riportare nel Pd milioni di persone”.

Le misure anti-Covid

Poi Bonaccini si è espresso anche sulle misure anti-Covid: “Il Governo fa bene – ha detto a Mattino 5 –  su consiglio degli esperti e degli scienziati, a pensare a come dare una stretta robusta per qualche settimana. Perché c’è bisogno, quando si deciderà di riaprire, di non chiudere più”.

Il titolare della Conferenza delle Regioni ha detto di immaginare che sul punto “ci sarà un confronto nelle prossime ore”. Il contagio, ha ricordato “sta crescendo in quasi tutto il Paese, i numeri sono preoccupanti. C’è una diffusione complessiva, qualche misura estesa al Paese serve per arginare quest’ondata”.

“Può darsi che la stretta nei week-end possa essere sufficiente”, ha aggiunto: “Io so che la gran parte dei presidenti di regione pensa che serva qualche misura restrittiva. Poi un lockdown, se si pensa a quello dell’anno scorso”, per Bonaccini non ci sarà, perché “non sarebbero chiuse le industrie e i cantieri”. Ci vuole poi, “una valutazione territorio per territorio: io ho deciso la scorsa settimana le zone rosse per Bologna e Modena perché i contagi erano molto alti e ho voluto dare una stretta immediatamente, per arginare subito il contagio”, ha infine commentato il presidente della Regione Emilia Romagna.

Leggi anche: 1. PD, Zingaretti prepara i popcorn. L’opposizione interna è finita in un “cul de sac” / 2. La campagna anti-Zingaretti spiana la strada alla vittoria del centrodestra (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Ti potrebbe interessare
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”
Politica / Tensioni nel governo, Draghi vede Mattarella
Politica / Ius Scholae e cannabis, la Camera approva il rinvio alla prossima settimana
Politica / La telefonata, il no di Conte, il rientro anticipato in Italia: la giornata nera di Draghi al vertice Nato