Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

PD, Zingaretti prepara i popcorn. L’opposizione interna è finita in un “cul de sac”

Immagine di copertina
Nicola Zingaretti

PD, Zingaretti prepara i popcorn. Opposizione interna finita in un “cul de sac”

Altroché ripensamento di Nicola Zingaretti: il segretario dimissionario di tornare al comando del partito democratico “non ci pensa proprio” spiegano stamattina fonti a lui vicinissime che aggiungono: “Ora la palla è dall’altra parte, sono loro (gli oppositori interni di Zingaretti, ndr) che devono spiegarci come si esce dall’impasse”.

Insomma dalle parti del Zinga nazionale non vedono l’ora di capire quale sarà la soluzione che verrà fuori dal gioco delle correnti interne e dai “caminetti elettronici” che si susseguono senza sosta di ora in ora tra franceschiniani e orlandiani, gueriniani e orfiniani.

Noi stiamo preparando i popcorn, quelle correnti interne che volevano logorare fino alle comunali Zingaretti per poi cacciarlo e scegliere loro, con un segretario amico, chi mettere in lista alle prossime politiche (che molti big del PD ritengono ci saranno subito dopo l’elezione del prossimo Capo dello Stato, ndr) sono divise addirittura al loro interno e non sanno più che pesci pigliare”.

Anche perché, ogni soluzione dovrà necessariamente passare per il segretario dimissionario dato che mantiene ancora una gran parte dei consensi all’interno dell’assemblea nazionale. Insomma, il PD è nello stallo più totale: hanno “costretto” Zingaretti alle dimissioni ma senza Zingaretti non hanno una maggioranza per poter eleggere il nuovo segretario.

Proprio un bel capolavoro politico. Senza contare poi il crollo dei sondaggi: istantaneo, non appena Zinga ha deciso di uscire di scena: “Senza di lui il Pd ha perso quasi il 2 per cento dei voti. Oltre un milione di persone” fanno notare dal Nazareno.

Leggi anche: 1. Sondaggi politici elettorali oggi 9 marzo 2021: cresce il M5S di Conte. Crollo Pd dopo le dimissioni di Zingaretti 2. Pd, il successore di Zingaretti potrebbe essere Letta. “Serve un leader autorevole”
Ti potrebbe interessare
Politica / Tensione Draghi-Conte, il premier: “Ho parlato con il leader M5s, il governo non rischia”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Politica / Conte: "Sconcertato dalle parole di Draghi, grave che un premier tecnico si intrometta"
Ti potrebbe interessare
Politica / Tensione Draghi-Conte, il premier: “Ho parlato con il leader M5s, il governo non rischia”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Politica / Conte: "Sconcertato dalle parole di Draghi, grave che un premier tecnico si intrometta"
Politica / “Draghi ha chiesto a Grillo di cacciare Conte dal M5S perché inadeguato”: la rivelazione bomba di Domenico De Masi. Ma Palazzo Chigi smentisce
Politica / Elezioni Verona, Veronica Atitsogbe a TPI: “Volevo sentirmi parte attiva della città. Con Tommasi ora si può”
Politica / Draghi: "Putin non verrà al G20". La replica del Cremlino: "Non decide lui"
Politica / M5s, Grillo: “Il limite dei due mandati non si tocca”. Malumori tra i deputati: “Serve una deroga”
Politica / Verona, Tosi sulla disfatta del centrodestra: “Meloni si è impuntata sul candidato sbagliato”
Politica / Chi è Veronica Atitsogbe, la prima italiana di seconda generazione a presiedere il Consiglio comunale di Verona
Politica / Cuppi (Pd) a Tpi: “2023? Andiamo avanti come a Verona. Renzi e Calenda rifletteranno dopo questa vittoria”