Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Al via la 67esima riunione del gruppo Bilderberg: per l’Italia Renzi, Gruber e Feltri

Immagine di copertina
Bilderberg 2019

Bilderberg 2019 | Gruppo Bilderberg

Domani partirà la 67esima riunione del gruppo Bilderberg, quest’anno ospitato a Montreaux (Svizzera) da giovedì 30 maggio e fino a domenica 2 giugno. Saranno 130 i partecipanti all’evento appartenenti al mondo della politica, dell’economia, della finanza e dei media.

L’incontro segreto del riservato gruppo formato da David Rockfeller nel 1954 questa volta ospiterà anche l’ex premier Matteo Renzi, il vicedirettore del “Fatto Quotidiano” Stefano Feltri e la giornalista e conduttrice del talk politico Otto e mezzo Lilli Gruber.

Undici i temi che verranno trattati in questi quattro giorni: “Un ordine strategico stabile”, “Cosa adesso per l’Europa?”, “Cambiamenti climatici e sostenibilità”, “Cina”, “Russia”, “Il futuro del capitalismo”, “Brexit”, “L’etica dell’intelligenza artificiale”, “I social media come arma”, “L’importanza dello spazio”, “Le minacce cyber”.

Bilderberg 2019 | Temi trattati

Di seguito i temi in discussione tutti e 11 i temi in discussione:

1. Un ordine strategico stabile;

2. Quale futuro per l’Europa?;

3. Cambiamenti climatici e sostenibilità;

4. Cina;

5. Russia;

6. Il futuro del capitalismo;

7. Brexit;

8. L’etica dell’intelligenza artificiale;

9. L’armonizzazione dei social media;

10. L’importanza dello spazio;

11. Cyber minacce.

L’ultima riunione segreta del gruppo Bilderberg, in quanto i partecipanti non possono rivelare né l’identità e né l’affiliazione degli oratori sebbene è possibile utilizzare i contenuti, si era svolta a Torino presso l’Nh Hotel Lingotto.

A pagare quell’edizione dell’evento, secondo le regole della Fondazione, erano stati i membri italiani del “comitato direttivo” ossia il presidente e amministratore delegato della Exor N.V. John Elkan e la giornalista Lilli Gruber.

L’idea di dare vita a conferenze di questo tipo fu inizialmente del magnate statunitense David Rockefeller. La prima riunione si tenne il 29 maggio del 1954 all’Hotel Bilderberg nei Paesi Bassi e il punto focale dell’incontro fu la crescita dell’antiamericanismo che si respirava in Europa occidentale. Il suo intento era quello di favorire il dialogo tra Europa e Nord America.

Da allora ogni anno circa 120-140 leader politici ed esperti di industria, finanza, lavoro, mondo accademico e media sono invitati a prendere parte al Meeting.

Che cos’è Bildeberg, l’incontro annuale dei big della finanza bersagliato dai complottisti

Da Lilli Gruber a Elkann: chi sono gli italiani invitati alla riunione del gruppo Bilderberg, ossessione dei complottisti

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio