Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Berlusconi: “Non abbiamo responsabilità nella caduta del governo. Draghi era stanco”

Immagine di copertina

Berlusconi: “Non abbiamo responsabilità nella caduta del governo. Draghi era stanco”

“Probabilmente era stanco e ha colto la palla al balzo per andarsene”. Silvio Berlusconi addossa in parte a Mario Draghi la responsabilità per gli eventi di mercoledì scorso che hanno portato alla caduta del governo. “Non volevamo far cadere Draghi, ma si è reso indisponibile a un bis”, ha detto il fondatore di Forza Italia in un’intervista al direttore di Repubblica Maurizio Molinari. “In ogni caso ha scelto lui e adesso siamo già al lavoro per un nuovo governo di centrodestra”.

Nell’intervista, il Cavaliere ha parlato della fine del governo e della prossima campagna elettorale, spiegando la posizione del suo partito durante il giorno chiave del 20 luglio, quando Forza Italia e Lega hanno scelto insieme al Movimento 5 stelle di non votare la fiducia al goevrno.

“Noi siamo una forza responsabile, non abbiamo nulla da spartire con i 5Stelle. Abbiamo fatto parte di una maggioranza di unità nazionale, di un governo che io ho voluto che nascesse”, ha detto Berlusconi. “Non avevamo motivo per farlo cadere”. L’ex presidente del Consiglio ha ricordato come i partiti del centrodestra di governo avessero chiesto di formare un nuovo governo senza il partito guidato da Giuseppe Conte, che il 14 luglio aveva già abbandonato l’Aula durante il voto di fiducia sul decreto Aiuti, spingendo Draghi una prima volta alle dimissioni.

“Avevamo proposto una risoluzione che prevedeva un nuovo esecutivo senza i grillini. Ma Draghi ha deciso di mettere la fiducia sulla mozione Casini, che non conteneva queste indicazioni. Ecco perché, a quel punto, il gruppo di Forza Italia non ha potuto fare altro che uscire dall’aula”, ha detto, attribuendo il comportamento del capo del governo alla stanchezza. “La mia impressione è che si fosse stancato, che non  avesse più voglia di andare avanti”, ha sottolineato. “Sa, il lavoro di presidente del Consiglio ha orari più lungi di quelli di governatore di una banca centrale… In ogni caso, ha scelto lui. Forza Italia non ha alcuna responsabilità nella caduta di questo governo”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”