Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Fontana: “Non mi dimetto e la Regione non ha sborsato un euro. Il conto alle Bahamas? Trasparente”

Immagine di copertina

Caso camici, Fontana: “Non mi dimetto”

La Regione non ha mai speso un euro, non ha pagato e non pagherà, il conto dei genitori alle Bahamas è trasparente e se ci sono state delle irregolarità nella fornitura di camici sono dipese “dalla situazione d’emergenza” legate alla pandemia. Così Attilio Fontana si difende dalle accuse di frode esplose dopo il “caso camici” in un’intervista a Repubblica, in cui ribadisce l’intenzione di non volersi dimettere dalla carica di governatore della Lombardia dopo lo scoop di Report anticipato dal Fatto Quotidiano e l’apertura dell’indagine da parte della procura di Milano. “Di benzina nel serbatoio ne ho tantissima, anzi devo accelerare per consumarla un po”, afferma.

Della procedura attivava da Aria (la centrale di acquisti della Regione Lombardia) che ha portato all’acquisto di camici dalla Dama spa, società di proprietà del cognato, Andrea Dini – poi trasformata in donazione – non era a conoscenza, assicura, e non è intervenuto per favorirla. “Questo ho inteso esprimere quando ho affermato (al programma Report, ndr) di essere completamente estraneo e ignaro della fornitura onerosa in questione. Naturalmente, una volta venutone a conoscenza, ho sollevato la sua inopportunità”.

Per questo motivo Fontana avrebbe spontaneamente scelto di risarcire di tasca propria il cognato Dini. “Ho spontaneamente considerato di alleviare in qualche modo il peso economico della operazione di mio cognato, partecipando io stesso personalmente alla copertura di una parte di quell’intervento economico”. Una decisione “dovuta al rammarico di constatare che il mio legame di affinità aveva solo svantaggiato una azienda legata alla mia famiglia”. E sulla voluntary disclosure con cui ha fatto transitare 5 milioni di euro dal conto intestato alla madre alle Bahamas, in Svizzera, dichiara che “quel conto non solo è perfettamente legale e frutto del lavoro dei miei genitori, ma è dichiarato, pubblico e trasparente”. “È riportato nella mia dichiarazione patrimoniale pubblicata sin dal primo giorno del mio mandato sui siti regionali come la legge prevede”, assicura il governatore al quotidiano.

Sulla società del cognato che deve alla Regione ancora 25mila dei 75mila camici – oggetto della vendita trasformata in donazione insieme a 7mila set sanitari, per un valore di 513mila euro – e che ha provato a rivenderli a una clinica a prezzo maggiorato, afferma di non poter dare un giudizio politico perché “l’elemento più importante e che nessuno sottolinea è che la Regione Lombardia non ha tirato fuori un euro. E se questo è accaduto è perché io ho fatto rilevare la inopportunità di quella situazione”. “La Regione non ha pagato e non pagherà”, ribadisce Fontana, e giustifica le irregolarità del caso con la situazione d’emergenza legata all’epidemia.

“Chi non comprende il livello di gravità ed emergenza nella ricerca spasmodica di presidi per medici e infermieri, o è stupido o è in malafede. Inoltre ricordo che tutti gli acquisti svolti in quella fase erano in regime di emergenza e seguivano procedure eccezionali tali da non richiedere la sottoscrizione del patto di integrità. Glielo dico ancora una volta. Deve essere chiaro a tutti che in quei giorni contavano i minuti e quindi ogni elemento che portava ritardi nella procedura metteva a rischio vite umane”, conclude il presidente della Lombardia.

Leggi anche: 1. Lombardia, la consigliere Rozza (Pd): “Fontana chiarisca sullo scudo fiscale, per mesi ha mentito ai lombardi” / 2. Caso camici Lombardia, Fontana e quel bonifico dal suo conto svizzero alla società di moglie e cognato / 3. Fontana risponda: perché ha riportato in Italia 5,3 milioni di euro nascosti alle Bahamas usando lo scudo fiscale?

4. Caso camici in Lombardia, indagati il cognato di Fontana Andrea Dini e il dg della società Aria / 5. Camici per medici forniti da ditta della moglie di Fontana: Procura indaga per turbativa d’asta / 6. Il caso dei camici di Fontana insegna: serve più trasparenza nelle partecipate

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Politica / Il Cnr assumerà tutti i 400 ricercatori precari che rischiavano il posto: “Risultato di una battaglia comune”
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Politica / “Vietato dire Natale”: l’Ue fa retromarcia sul linguaggio inclusivo
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort