Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Armi all’Ucraina: via libera al quarto decreto, ma la lista è ancora secretata

Immagine di copertina
Il sistema missilistico Himars. Credit: Lcpl. William Chockey/Us Marines/Planet Pix via ZUMA Press Wire

Armi all’Ucraina: via libera al quarto decreto, ma la lista è ancora secretata

Via libera al nuovo decreto per l’invio di armi in Ucraina, il quarto dall’invasione russa del 24 febbraio scorso. È la decisione presa ieri dal Copasir dopo l’audizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, congelata per una settimana a causa della crisi di governo.

Come per i primi tre decreti interministeriali, anche in questo caso l’elenco di mezzi ed equipaggiamenti ceduti all’Ucraina non sarà reso pubblico. Nelle spedizioni precedenti, l’ultima delle quali approvata a metà maggio, l’Italia avrebbe inviato sistemi di difesa aerea Stinger oltre a blindati come i fuoristrada Lince, con protezione anti-mine, e artiglieria pesante, come gli obici FH-70 Howitzer, con una gittata fino a 30 chilometri, oltre a mitragliatrici e munizioni.

Con quest’altra fornitura, viene ipotizzato l’invio anche di lanciarazzi multipli Mlrs, un mezzo cingolato che rientrerebbe tra i sistemi di artiglieria intelligenti chiesti dall’Ucraina per cambiare gli equilibri sul campo. Tuttavia, come specifica Il Fatto Quotidiano, l’Italia ha pochi di questi mezzi a disposizione e difficilmente potrebbe decidere di cederli.

Nelle scorse ore l’Ucraina ha impiegato i missili Himars (High Mobility Artillery Rocket Systems) inviati dagli Stati Uniti per colpire un ponte strategico verso la città occupata di Kherson, in preparazione della controffensiva di Kiev nel sud del paese. Un sistema che “sta cambiando il corso della guerra a nostro favore”, ha dichiarato il presidente ucraino Volodimir Zelensky, a conferma dell’entusiasmo a Kiev per i lanciarazzi inviati da Washington dopo l’autorizzazione di Joe Biden a inizio giugno, pur con gittata limitata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla