Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni amministrative, nove gli impresentabili: c’è anche Mimmo Lucano

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Sono nove gli impresentabili alle elezioni amministrative in programma questo weekend, secondo le considerazioni della Commissione Parlamentare Antimafia. Quattro a Roma, dove ci sono ben 22 candidati a sindaco. Trai nove, spicca in particolare la presenza di Mimmo Lucano, condannato poco più di 24 ore fa a oltre 13 anni di carcere in primo grado. L’ex sindaco di Riace, divenuto un simbolo per il suo modello di accoglienza dei migranti, si presenta per “Un’altra Calabria è possibile” che sostiene il candidato presidente alle regionali in Calabria Luigi de Magistris.

Gli ‘ostacoli’ alle candidature derivano o dalla legge Severino o dal codice di autoregolamentazione sottoscritto dagli stessi partiti. Quattro gli impresentabili nella Capitale. Il primo è Marcello De Vito, della lista “Forza Italia – Berlusconi per Michetti” a cui carico risulta un decreto di giudizio immediato per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Nella corsa alle Comunali di Roma, gli altri impresentabili sono Maria Capozza (Forza Italia), Viorica Mariuta e Antonio Ruggiero (entrambi del Movimento Idea Sociale). A carico di Viorica Mariuta risulta una condanna non definitiva per peculato, per Antonio Ruggiero un decreto di giudizio per impiego di denaro, utilità o altri beni di provenienza illecita, per Maria Capozza un decreto che fissa un giudizio per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Gli altri ‘impresentabili’ finiti nel mirino dell’Antimafia sono candidati a Cosenza (Gianluca Guarnaccia, a suo carico due rinvii a giudizio, uno per associazione di stampo mafioso), a Siderno (Domenico Barbieri, condanna non definitiva a sei mesi per detenzione di stupefacenti), Napoli (Carlo De Gregorio, nei suoi confronti emessa condanna per importazione, detenzione e commercio di sostanze stupefacenti), Bologna (Riccardo Monticelli, inflitta con pronuncia irrevocabile pena per delitto di detenzione ai fini di spaccio). Una posizione a parte è quella di Franco Metta, candidato sindaco a Cerignola, il tribunale lo avrebbe dichiarato incandidabile perché già sindaco di un Comune sciolto per mafia.

E poi come detto c’è il caso Lucano, l’unico ‘impresentabile’ alle elezioni regionali in Calabria del 3 e 4 ottobre. Lo ha reso noto il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra incontrando i cronisti dopo la riunione in cui si è fatto il punto sulla verifica delle candidature fatta sulla base delle informazioni avute dalla Direzione Nazionale Antimafia. Lucano, rinviato a giudizio nell’aprile del 2019 e condannato ieri in primo grado a 13 anni e 2 mesi per reati previsti dalla legge Severino, se eletto verrebbe sospeso di diritto ai sensi della stessa legge.

Ti potrebbe interessare
Politica / Paghi uno e prendi tre? Il governo compra tre elicotteri, ma sbaglia i conti
Politica / Il corvo Italia Viva sta già mangiando sul cadavere del Ddl Zan
Politica / L’ennesimo regalo ai signori del casello: così il governo con la scusa del Covid favorisce Benetton & Co.
Ti potrebbe interessare
Politica / Paghi uno e prendi tre? Il governo compra tre elicotteri, ma sbaglia i conti
Politica / Il corvo Italia Viva sta già mangiando sul cadavere del Ddl Zan
Politica / L’ennesimo regalo ai signori del casello: così il governo con la scusa del Covid favorisce Benetton & Co.
Politica / Caso Open, Renzi chiede l’immunità parlamentare: deciderà giunta del Senato
Politica / Caso Regeni, Fico: “Egitto non ha collaborato, grave ferita nei rapporti con l’Italia”
Politica / Berlusconi: “Voto anticipato? Sarebbe da irresponsabili interrompere Governo. A Forza Italia decido io”
Politica / Dini scrocca il Financial Times al Senato? Il quotidiano britannico gli regala l’abbonamento gratis
Politica / Matteo Ricci a TPI: “Sono il primo giallorosso d’Italia”
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati