Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Bonaccini frena sull’alleanza Pd-M5S: “Non è scontata”

Immagine di copertina
Stefano Bonaccini. Credit: Ansa

"La decisione non si prende a tavolino", ha dichiarato il presidente dell'Emilia Romagna ed esponente Pd in un'intervista al Corriere della Sera

Il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha dichiarato che l’alleanza tra il Pd e il Movimento Cinque Stelle “non è affatto scontata“. L’esponente dem è intervenuto in proposito in un’intervista al Corriere della Sera“Se il Movimento, o quel che sarà dopo quel che sta accadendo, confermerà una impostazione europeista, riformista e progressista, allora sarà giusto considerarlo un naturale alleato del Pd“, ha osservato Bonaccini. “Ma a differenza di qualcuno che vede una alleanza come già decisa a tavolino, come una fusione a freddo, penso che quel “se” sia molto importante per costruire una coalizione larga e senza pregiudizi”, ha aggiunto.

Per il presidente dell’Emilia Romagna il problema principale del Pd è legato all’identità. “Dobbiamo ritrovare una identità ben definita”, dice, “con un profilo che tenga insieme i diritti civili ma anche e soprattutto quelli sociali, che sono fondamentali per avere un elettorato largo e magari convincere qualcuno che non ti ha mai votato”. Riguardo invece alle tensioni tra Grillo e Conte nel Movimento Cinque Stelle, Bonaccini si limita a dichiarare che “sarebbe demenziale mettere a rischio la tenuta del governo Draghi per ragioni di rivalità interne al movimento” e che adesso “l’Italia ha bisogno di stabilità per uscire dalla pandemia”.

Leggi anche: 1. Grillo è l’uomo sbagliato per il Movimento giusto, Conte l’uomo giusto per il Movimento sbagliato (di Giulio Gambino) /2. La casa giusta per Conte non è il M5S né il Pd ma un nuovo partito dal basso

Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Politica / Green Pass, Massimo Cacciari: “Roba da regime dispotico. Sperimentazione di massa”
Politica / Salvini torna al Papeete e fa un selfie con Denis Dosio. Scoppia la polemica
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare