Covid ultime 24h
casi +16.424
deceduti +318
tamponi +340.247
terapie intensive +11

È iniziata una guerra: e voi, cari sovranisti, siete gli unici a difendere la follia di Trump

Di Giulio Cavalli
Pubblicato il 8 Gen. 2020 alle 12:47 Aggiornato il 9 Gen. 2020 alle 06:48
7.6k
Immagine di copertina

È cominciata la guerra, anche se la chiamano pace. È cominciata con l’attacco unilaterale di un pazzo che si è ritrovato a fare il presidente Usa per soddisfare il voto di quelli che votano per vedere l’effetto che fa, è iniziato con un omicidio rivenduto come legittima difesa e continua senza nessuna idea intesta, senza una strategia, senza un’idea chiara che sia una, con gli Usa in fermento che non riescono a tenere sulla stessa linea il Congresso, il Pentagono e il pazzo di cui sopra.

Ma lui, mister Trump, dice di affidarsi ai suoi tweet, di lasciare perdere le scartoffie e le regole, che non servono a niente le regole, dice. Un presidente che comunica via Twitter evidentemente fa molta simpatia ai sovranisti, che non si rendono conto di essere i servi dei pensieri sconclusionati di una persona sola: volevano la patria sopra ogni cosa e invece hanno la patria calpestata dal mastodontico ego di un presidente con il telefonino in mano.

E infatti Trump gioca a fare l’eroe ma è solo, irrimediabilmente solo: anche il sovranista che rimane isolato e chiuso dentro se stesso è un classico di questi tempi. Ora quelli che hanno acceso la guerra invocano la pace.

Fanno sempre così, contemporaneamente all’inizio del conflitto si spremono per travestire le parole e per rendere potabile l’orrore trasformando l’attacco in legittima difesa e poi la difesa di quegli altri in un vergognoso attacco come se non se l’aspettassero tutti.

Poi ci parleranno di vittime collaterali, di bombe intelligenti, di rischio terroristico e così via con la solita filastrocca che ha accompagnato ogni solito terrore. Del resto solo 4 anni fa la CNN presentava Soleimani come “eroe e forza trainante nella sconfitta dell’ISIS” e oggi Soleimani è un terrorista che andava eliminato senza processo, senza accordo internazionale, condannato per direttissima dal parere partorito dal presidente Trump.

E infatti l’Iran inevitabilmente ha risposto attaccando le basi americane e ha parlato di “legittima difesa”. Le guerre accadono sempre così, con le due fazioni che si sentono in diritto di difendersi e intanto seminano morte e terrore.

È quasi banale scriverlo. C’è anche un altro aspetto interessante: le democrazie hanno il dovere di difendersi ma l’equilibrio tra difesa e offesa e la forza di non diventare terroristi come i terroristi che si vorrebbero combattere è il termometro della salute della loro democrazia. E non sembriamo molto in salute, no.

Leggi anche:

E così, ancora una volta, si fa una guerra per campagna elettorale (di Giulio Cavalli)

Usa Iran guerra elettorale: i commenti degli opinionisti di TPI

7.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.