Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

È iniziata una guerra: e voi, cari sovranisti, siete gli unici a difendere la follia di Trump

Immagine di copertina

È cominciata la guerra, anche se la chiamano pace. È cominciata con l’attacco unilaterale di un pazzo che si è ritrovato a fare il presidente Usa per soddisfare il voto di quelli che votano per vedere l’effetto che fa, è iniziato con un omicidio rivenduto come legittima difesa e continua senza nessuna idea intesta, senza una strategia, senza un’idea chiara che sia una, con gli Usa in fermento che non riescono a tenere sulla stessa linea il Congresso, il Pentagono e il pazzo di cui sopra.

Ma lui, mister Trump, dice di affidarsi ai suoi tweet, di lasciare perdere le scartoffie e le regole, che non servono a niente le regole, dice. Un presidente che comunica via Twitter evidentemente fa molta simpatia ai sovranisti, che non si rendono conto di essere i servi dei pensieri sconclusionati di una persona sola: volevano la patria sopra ogni cosa e invece hanno la patria calpestata dal mastodontico ego di un presidente con il telefonino in mano.

E infatti Trump gioca a fare l’eroe ma è solo, irrimediabilmente solo: anche il sovranista che rimane isolato e chiuso dentro se stesso è un classico di questi tempi. Ora quelli che hanno acceso la guerra invocano la pace.

Fanno sempre così, contemporaneamente all’inizio del conflitto si spremono per travestire le parole e per rendere potabile l’orrore trasformando l’attacco in legittima difesa e poi la difesa di quegli altri in un vergognoso attacco come se non se l’aspettassero tutti.

Poi ci parleranno di vittime collaterali, di bombe intelligenti, di rischio terroristico e così via con la solita filastrocca che ha accompagnato ogni solito terrore. Del resto solo 4 anni fa la CNN presentava Soleimani come “eroe e forza trainante nella sconfitta dell’ISIS” e oggi Soleimani è un terrorista che andava eliminato senza processo, senza accordo internazionale, condannato per direttissima dal parere partorito dal presidente Trump.

E infatti l’Iran inevitabilmente ha risposto attaccando le basi americane e ha parlato di “legittima difesa”. Le guerre accadono sempre così, con le due fazioni che si sentono in diritto di difendersi e intanto seminano morte e terrore.

È quasi banale scriverlo. C’è anche un altro aspetto interessante: le democrazie hanno il dovere di difendersi ma l’equilibrio tra difesa e offesa e la forza di non diventare terroristi come i terroristi che si vorrebbero combattere è il termometro della salute della loro democrazia. E non sembriamo molto in salute, no.

Leggi anche:

E così, ancora una volta, si fa una guerra per campagna elettorale (di Giulio Cavalli)

Usa Iran guerra elettorale: i commenti degli opinionisti di TPI

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza