Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Caro Zingaretti, votare sì alla Tav non ti conviene: così fai un favore a Di Maio

Immagine di copertina
Nicola Zingaretti, segretario del Partito democratico. Credit: Afp

La mozione del Pd rischia di dare nuova forza a un M5S in difficoltà: per questo i dem farebbero bene a ritirarla

Se il Pd vota sì alla Tav fa un enorme favore a Di Maio

Se io fossi un capogruppo del Pd ritirerei immediatamente la mozione del mio partito sulla Tav. Soprattutto dopo che la Lega, con uno scatto di furbizia parlamentare, ha già annunciato l’intenzione di votarla. In questo caso l’esito è scontato: alla maggioranza giallo-verde, su una questione pregnante se ne sostituirebbe una di sapore istituzionale (ma davvero innaturale) Pd-centrodestra unito (cioè con Lega, Forza Italia e meloniani).

Questa eventualità, per chi vuole fare politica nel segno dell’opposizione rappresenta un suicidio. C’è davvero il rischio di un regime, come dicono – per una volta uniti – i dieci capicorrente dem? Allora non puoi mischiare i tuoi voti con quelli del tuo principale contendente, aiutando il suo alleato a risolvere un problema politico.

Non contano i contenuti, non c’è – al contrario di quello che sostiene qualcuno – alcun vincolo di presunta coerenza politica da osservare. Ha ragione da vendere, su questo, Carlo Calenda. Il governo ha rotto la sua unità su un problema simbolicamente importante come la Tav, il M5s ha presentato una mozione per dire no all’Alta velocità per riprendersi la visibilità su una mozione di bandiera, confidando nel fatto che Zingaretti accetti di unire i suoi voti a quella della Lega. Per questo quel rito parlamentare che è nato come uscita di sicurezza per Luigi di Maio rischia ora di diventare una trappola per Nicola Zingaretti.

Ma è soltanto una barriera invisibile, una trappola psicologica a confondere le acque: dal punto di vista formale, il problema non esiste. Se il Pd vuole governare, dirà che dopo la caduta del governo potrà garantire in qualsiasi momento la maggioranza a una mozione sulla Tav, che ha (peraltro) solo un mero valore simbolico. Mentre adesso, nel momento del muro contro muro, mostrarsi al paese come il partito che vota con la Lega, potrebbe solo regalare un’arma rigenerativa al M5s: “Lo vedete? Il regime si compatta sulle richieste dei poteri forti”.

Ma siccome la politica è prima di tutto assunzione di responsabilità, se il Pd vuole rendere avvincente e politicamente pregnante un voto che parte scontato, ha una sola via d’uscita: ritirare la sua mozione, non votare quella del M5s, lasciare il cerino in mano alla maggioranza. E rendere spettacolare e aperto l’ultimo atto politico rilevante prima della grande fuga estiva.

Retroscena TPI, Zingaretti inviperito con i renziani: “Vogliono tenere vivo il Governo Lega-M5S perché temono le elezioni” (di L. Telese)

“Salvini, va’ in Libia e porta qua tutti i migranti che trovi, ecco perché ti conviene”: la provocazione di Maria Giovanna Maglie (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)
Opinioni / Quello della Polonia è un attacco allo stato di diritto che l’Unione Europea non può ignorare
Opinioni / Un patto con voi lettori (di Giulio Gambino)
Opinioni / Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato