Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Salvini, va’ in Libia e porta qua tutti i migranti che trovi, ecco perché ti conviene”: la provocazione di Maria Giovanna Maglie

Immagine di copertina
La giornalista Maria Giovanna Maglie e il vicepremier Matteo Salvini

Retroscena TPI: durante una festa romana la giornalista ha dato al vicepremier un consiglio su come mettere l'Europa spalle al muro

Salvini migranti Libia | Il consiglio di Maria Giovanna Maglie al vicepremier

“Gli ottomila profughi che la Libia minaccia di liberare perché arrivino in Italia come una arma non convenzionale? Matteo, ti regalo una idea: andiamoli a prendere noi. E portiamoli in Europa”. Luogo: la sontuosa festa di compleanno di Roberto D’Agostino. Protagonisti del dialogo, Maria Giovanna Maglie, giornalista con una lunga esperienza da inviata in giro per il mondo. E Matteo Salvini, ministro dell’Interno.

Proposta paradossale, ma argomentata con logica ferrea, molto indicativa degli umori di chi conta nell’entourage del leader leghista. “Basta con le Ong”, dice la Maglie. “Andiamo a prenderli con le navi della Marina Militare italiana, tutti. Un gigantesco corridoio umanitario. Ma un minuto dopo facciamo le quote noi e ci presentiamo davanti a tutti i porti europei dicendo: visto che noi siamo i cattivi e voi siete quelli buoni contrari alla chiusa dei porti, vi abbiamo portato la quota che vi spetta. Fammi sbarcare”. Quali paesi? “Tutti: Germania, Francia, Spagna, la solidale Olanda….”.

Alla conversazione assistono diversi testimoni. Il capannello si anima. Ma la Maglie, raggiunta da TPI il giorno dopo nega che si tratti di una boutade e aggiunge: “Io non la considero una provocazione ma una chiarificazione”.

In che senso? “Visto che siamo i cattivi d’Europa. Visto che non possiamo essere i recipienti di tanti viaggi organizzati da trafficanti… Visto che noi ormai siamo saturi e non abbiamo più margini di accoglienza e che il parere degli italiani contrari alla politica degli sbarchi qualcosa dovrebbe contare….”. Ebbene? “La Germania ce lì rimanda indietro sedati in treno. La Francia picchia le donne incinte a Ventimiglia. La Spagna spara e l’Olanda ci fa lezioni. Visto che sembra che ci sia un solo cattivo in questa sporca guerra e che quel cattivo siamo noi perché chiudiamo i porti…”. E allora? “E allora portiamoglieli alla porta di casa e vediamo se li fanno sbarcare”.

Dici sul serio? “Serissima. Andrei a prenderli tutti con gli aerei e con le navi, portiamone trecento in ogni paese d’Europa, una media equa e sostenibile per i paesi dell’Unione. Sarebbe interessante capire cosa accadrebbe”.

E che reazione ci sarebbe? “Accadrebbe che direbbero di no, che chiuderebbero i porti, che attuerebbero blocchi navali e che minaccerebbero di spararci. Allora scopriremmo che non siamo i soli cattivi, fascisti e poco solidali”.

Ottima provocazione. Ora diciamo che è uno scherzo? Sorriso. “E perché? Fossi Matteo Salvini lo farei subito. Così la narrazione dell’Italia egoista si polverizzerebbe in un secondo. E scopriremmo che il ‘cattivo’, il ‘sovranista’, è l’unico che sta provando a trovare una soluzione”. Chissà se Matteo seguirà il consiglio.

Migranti, il piano di Salvini contro le partenze: navi militari davanti ai porti e nuovi accordi con Libia e Tunisia

Chi è Maria Giovanna Maglie

Ti potrebbe interessare
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Ti potrebbe interessare
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.
Politica / Regeni, Palazzotto a TPI: “Responsabilità chiare, ora l’Italia alzi il livello del conflitto politico con l’Egitto”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni