Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Chi se ne fotte e quegli sciacalli che hanno fatto tamponi falsi ai campani

Immagine di copertina
Credit: Emanuele Fucecchi

Di furbi e approfittatori, in questa epidemia, ne abbiamo visti tanti. Da quelli che hanno approfittato perfino di un tampone positivo per farne un telenovela su Instagram con marchetta allo sponsor a quelli che si chiamavano “esperti” e sono diventati esperti di frasi ad effetto, per uscire nei titoli di qualche giornale. Poi ci sono gli sciacalli. Quelli che in ogni disgrazia sentono l’odore della carcassa lontana chilometri e dopo poco sono già lì che fanno a brandelli il cadavere. Che intravedono possibilità di guadagno dalla disgrazia, dalla paura, dalla morte.

L’inchiesta di TPI sulla truffa dei test Covid falsi in Campania è una fotografia perfetta e terribile di questi sciacalli. Un’organizzazione ben strutturata, persone con diversi ruoli e competenze che facevano “tamponi fuffa” con macchinari destinati a scovare malattie delle vacche. Tamponi che ovviamente erano sempre negativi e che hanno fatto circolare chissà quanti positivi inconsapevoli, che avranno infettato altre vittime inconsapevoli in questo circuito silente e criminale che “gli sciacalli” hanno creato. In fondo, un modo “pulito” di guadagnare seminando morte.

 

 

Un metodo che parrebbe lontano da quello della camorra rumorosa, vistosa, quella degli spari e dei morti per strada. Ma in fondo, un metodo neppure così diverso. Non servivano le pistole, nella truffa dei tamponi, perché ad uccidere è stata la fiducia, prima ancora della paura. La fiducia che i cittadini cercano nella scienza, nei medici, nei tecnici di laboratorio e che in questa storia era ingenuamente riposta in un gruppo di criminali per cui il virus era un’opportunità di guadagno tanto ingegnosa quanto facile.

“Che me ne fotte, io gli facevo il tampone già usato e gli dicevo… è negativo guagliò”, diceva uno degli indagati. Che gliene fotteva. Lui si intascava i suoi 50 euro per una falsa diagnosi, poi se qualcuno finiva sotto terra mica erano fatti suoi. Il virus mica ha un mandante, mica lascia polvere da sparo sui vestiti, mica se la canta.

Se la sono cantata, però, le intercettazioni. E quelle non lasciano scampo. Raccontano il cinismo con cui si è agito e raccontano, in fondo, quello che è parte dell’umanità in una guerra, in una pandemia, in una disgrazia. Un parte incapace di sentirsi un tutto, di capire che quello che fa l’altro oggi ci riguarda più che mai. Di realizzare che non c’è più nulla di imprudente e sconsiderato fatto altrove che non abbia un impatto sulle nostre vite.

Il pipistrello cinese e Luis Sepulveda hanno avuto forse milioni di passaggi intermedi, di link, di diramazioni, ma alla fine si sono incrociati. Chissà quanti di quei passaggi intermedi sono stati una distrazione, un atto di menefreghismo, un’uscita evitabile, un’imprudenza pensata. Bastava interrompere quella catena di avvenimenti e oggi Sepulveda, magari, starebbe scrivendo suo nuovo libro. E così tanti morti come lui.

Bastava un “chi se ne fotte” in meno. Ma qualcuno, purtroppo, se ne fotterà sempre. Perché non si sente parte di un tutto o, peggio, perché da quel tutto può perfino guadagnare.

L’INCHIESTA DI TPI SUI TAMPONI FALSI IN CAMPANIA

1. Esclusivo TPI: “Che me ne fotte, io gli facevo il tampone già usato e gli dicevo… è negativo guagliò”. La truffa dei test falsi che ha fatto circolare migliaia di positivi in Campania
2. “Non aspettavo neanche i 20 minuti e dicevo: il tampone è negativo guagliò, tutto a posto”: le intercettazioni
3. Il documento che smaschera la banda
4. “Io truffato con un tampone falso negativo, ho scoperto alla Asl di avere il Covid”: la testimonianza
5. “Tua zia non ha niente”. Ma dopo il falso tampone in Campania Maria finisce all’ospedale
6. Chi sono i membri dell’organizzazione
7. Truffa dei tamponi falsi in Campania: la ricostruzione dell’inchiesta di TPI
8. Tamponi truffa in Campania, tutte le reazioni all’inchiesta di TPI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, ustiona il cognato con l’acqua bollente: “È stato maleducato, ha lavato i piatti”
Cronaca / Vandali distruggono la statua di Jago a Roma, l’artista: “Fortuna che c’erano le telecamere” | VIDEO
Cronaca / “I giorni più duri della mia vita”: Alessia Piperno rivive il periodo di prigionia nel carcere di Evin
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, ustiona il cognato con l’acqua bollente: “È stato maleducato, ha lavato i piatti”
Cronaca / Vandali distruggono la statua di Jago a Roma, l’artista: “Fortuna che c’erano le telecamere” | VIDEO
Cronaca / “I giorni più duri della mia vita”: Alessia Piperno rivive il periodo di prigionia nel carcere di Evin
Cronaca / Roma, aggressione in pieno centro: fingono un tamponamento, poi gli rubano l’orologio da 30mila euro
Cronaca / Marco Cappato di nuovo indagato per aiuto al suicidio: ha accompagnato in Svizzera un 82enne
Cronaca / La suocera di Soumahoro indagata anche per truffa aggravata e false fatturazioni
Cronaca / Ancona, camion si ribalta e schiaccia un’ambulanza: morti autista e paziente
Cronaca / “Intervenite sugli alvei o avremo un’alluvione”: le denunce inascoltate dell’ex sindaco di Casamicciola
Cronaca / Macerata: uccide la madre a colpi di forbici, poi tenta di darle fuoco
Cronaca / Novellara, recuperato il corpo di Saman Abbas. I resti esumati saranno analizzati a Milano