Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Bimbo morto al confine tra Bielorussia e Polonia. I “bla, bla, bla” dell’Europa non sono solo sul clima

Immagine di copertina
credit: ansa foto

Forse per capirlo devi aver toccato la sofferenza con mano, devi aver salvato centinaia di persone sgomitando tra la vita e la morte di chi ha affrontato viaggi inenarrabili per trovare un’altra terra in cui vivere, ma quello che sta accadendo al confine tra Polonia e Bielorussia non è solo l’ennesimo segno che l’Europa e il suo sogno sono stati sepolti dagli interessi delle parti, è qualcosa di più profondo che ha a che fare con la vergogna di assistere alla morte del diritto restando inerti.

Da quando è iniziata la crisi migratoria tra Polonia e Bielorussia sono almeno 13 le persone morte di cui un bambino siriano di appena un anno. Quel bambino, che da oltre un mese e mezzo si nascondeva nelle foresta di un lembo di terra, è morto per il freddo mentre migliaia di persone restano nelle mani di governi che le usano per sporchi giochi di potere.

L’Europa senza frontiere, il Continente che accoglie e protegge dove i diritti umani vengono prima di tutto. Che ne è di quella promessa? Non possiamo smettere di chiedercelo perché gli occhi bagnati dalla commozione di circostanza non salveranno altre vite. Non metteranno fine al solito balletto di pedine che questa volta non si consuma in un Mediterraneo affollato di morti, ma ai confini di un’Europa troppo vicina. La nostra.

Il dittatore bielorusso Lukashenko cerca di destabilizzare l’Europa validando l’idea per cui migliaia di persone resteranno settimane, se non mesi, ai confini con un Paese che dimentica i suoi valori cristiani e ancora prima gli impegni presi con il resto dell’umanità. Gas lacrimogeni e cannoni ad acqua: questo è la nuova idea di salvaguardia dei confini. È la politica, sono le geostrategie a cui dobbiamo ormai abituarci, dirà qualcuno.

Perché sì, di ricatti e giochi sulla pelle di persone disperate e disperanti ne abbiamo già visti parecchi. E su questo il buon Erdogan può insegnarci molto. L’Europa negli anni ha fatto poco niente, frammentata e debole, invisa di un egoismo sovranista che non ha permesso alcun progetto o visione globale in grado di pensare al futuro reale. Le guerre, i cambiamenti climatici e cicliche crisi economiche non potranno che prolungare questa che tutti chiamano “crisi migratoria”. Una situazione strutturale, piuttosto, che andrebbe affrontata per quello che è, senza cadere nel giogo di questo o quel nuovo dittatore.

A noi cittadini votanti restano i “bla, bla, bla” dei politicanti che provano a fermare il vento con le mani. A loro, a coloro i quali spetta affrontare mari, montagne, freddo e arsura per non essere nati dalla parte giusta del mondo resta ancora meno. Forse nemmeno la speranza.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango