Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il G20? Una commedia all’italiana (di G. Gambino)

Immagine di copertina

Capita che il giorno dopo il G20 apri i giornali e pensi che sia stato un gran successo. Grandi lodi al premier Mario Draghi (ma quella non è certo una sorpresa) e anche all’Italia per l’ultimo grande risultato ottenuto con gli accordi siglati a Roma dai potenti del pianeta. Genuino entusiasmo per i nuovi vincoli sul clima e per il traguardo, finalmente raggiunto, sul controllo delle emissioni di CO2. E infine quella foto capolavoro, il lancio delle monetine nella Fontana di Trevi, che suggella un successo di diplomazia strepitoso, ideato ed eseguito dal nostro premier. E tutto sarebbe molto bello, se solo fosse vero. Infatti, sfogliando le prime pagine dei quotidiani stranieri, il film che ne viene fuori è completamente diverso: un altro G20.

Si racconta di impegni vaghi ed eccessivamente ambiziosi, temi spinosi aggirati e rinviati a data da destinarsi, calendari traballanti e accordi non vincolanti. Anche Greta Thunberg, di cui i nostri lettori ricorderanno la copertina e quel racconto inedito che ci ha rilasciato, sostiene che è ancora una volta tutto un “Bla Bla Bla”. Ma fa niente, non fa notizia. E allora viene da chiedersi: come sono andate davvero le cose? Intanto vale la pena ricordare che la data entro la quale azzerare le emissioni di CO2 (2050), e definita da tutti come una pietra miliare con cui affrontare la COP26 di Glasgow, è ancora oggi controversa e discussa. Ad esempio, dopo il G20, e solo una volta atterrato in Scozia per la COP il premier indiano Narendra Modi ha ricordato a Mario Draghi che prima del 2070 l’India – una delle nazioni più inquinanti al mondo – non potrà raggiungere l’obiettivo climatico ambito.

Avete capito bene. Con vent’anni di ritardo, più o meno quando Greta Thunberg sarà già andata in pensione (sempre che in Svezia non adottino la “Quota Zero” di cui parliamo in questo numero). Greenpeace ha poi spiegato che gli accordi sulla tutela delle foreste firmati dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro non sono vincolanti. E anche nel momento in cui dovessero scattare quei vincoli, se si segue questo ritmo di deforestazione, la lussureggiante vegetazione della foresta amazzonica sarà già stata sostituita da una brulla distesa di terra e sassi. Il fatto è che ai leader del G20 frega assai poco del clima e non hanno visione, e questo lo si è potuto notare dall’assenza clamorosa del presidente cinese Xi Jinping (che sarà pur vero che non lascia la Cina da 21 mesi, ma forse un viaggio a Roma poteva farselo: del resto in gioco c’è la tenuta stessa del mondo, una cosetta da niente) e anche dalla sedia lasciata vuota dal capo di Stato russo Vladimir Putin. Un messaggio inequivocabile. L’ipocrisia dei governanti del mondo sul riscaldamento globale emerge infine quando uno come Joe Biden scorrazza per la città con 40 auto al seguito a bordo della Bestia, una Cadillac One da oltre un milione di euro, che pesa tra le 6 e le 8 tonnellate ed è spinta da un motore diesel che non supera 1,6 chilometri con un litro.

Alla faccia dell’ambiente.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero