Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Al Governo è mancato il coraggio di dire che la Lombardia deve riaprire per ultima

Immagine di copertina
Il premier Conte e il governatore lombardo Fontana

Fase 2, la Lombardia doveva riaprire per ultima: al Governo è mancato il coraggio

Senza dover scomodare Molise e Basilicata, è ormai evidente come il Coronavirus sia ancora molto pericoloso in alcune zone del nostro Paese e molto meno in altre. Se facciamo infatti riferimento al bollettino fornito dalla Protezione Civile – certo non esatto, ma indicativo della diffusione del virus – notiamo che in alcune regioni l’aumento del numero dei contagiati è prossimo allo zero. Parliamo in particolare di Valle D’Aosta, Umbria, Calabria, Sardegna, Molise, Basilicata, e Friuli Venezia Giulia. Nel Lazio e in Campania, dove la densità di popolazione è più alta soprattutto nelle grandi città, il numero di casi registrati è relativamente basso.

Va da sé che mettere sullo stesso piano la Lombardia (72.889 casi totali con un aumento di 920 nelle ultime 24 ore) e la Calabria (1.089 casi totali con un aumento di 1 nelle ultime 24 ore), sia una scelta quantomeno discutibile. In Cina, ovvero nel Paese in cui tutto è cominciato, la provincia dell’Hubei, quella che ha come capoluogo la famigerata Wuhan, è stata l’ultima a riaprire e ci vorranno ancora mesi prima di un suo definitivo ritorno alla normalità.

Paradossalmente, la regione che spinge di più per riaprire è quella che alla riapertura non dovrebbe ancora neanche pensare lontanamente, ovvero la Lombardia degli “indomiti” Fontana e Gallera. I motivi di questa illogica frenesia sono almeno due: il primo è che al suo interno vi sono alcune delle aree più industrializzate del Paese, grandi interessi economici che premono per tornare a produrre, il secondo è meramente politico, e riguarda lo scontro sempre più aspro tra maggioranza e opposizione.

Riaprire gran parte del Paese, tenendo chiusa la Lombardia, farebbe scattare immediatamente una campagna mediatica all’insegna del vittimismo da parte di Matteo Salvini, che malgrado gli oltre 13mila morti e le immagini dei camion dell’esercito che portano via le bare di Bergamo ancora nitide nella memoria, denuncerebbe una “ritorsione” del Governo Conte contro la regione a guida Carroccio. Una polemica strumentale, come d’altronde lo sono tutte le polemiche montate dalla Lega e dal suo leader, che servirebbe solo a cercare di mascherare i conclamati disastri della sanità lombarda.

Il governo dovrebbe avere il coraggio di dire con forza che la Lombardia dovrà essere l’ultima regione ad aprire, allentando o eliminando del tutto il lockdown nel resto del Paese, ovviamente con i dovuti distinguo fatti in base alle indicazioni degli esperti. Dovrebbe liberarsi da una certa sudditanza psicologica verso quel nord che in questo frangente non ha certamente brillato e lasciar correre le farneticazioni di questo o quel leader stagionale.

Leggi anche: 1. Riaprire la Lombardia è una follia. Qualcuno fermi Fontana (di G. Gambino) / 2. Cosa si può fare dal 4 maggio. Domande e risposte / 3. Fase 2: il calendario delle riaperture in Italia

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Opinioni / Medioevo americano: se a mettere in discussione i diritti delle donne sono gli uomini (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa (di A. Likmeta)
Opinioni / “Io, bollata come filo-putiniana da un parlamentare del Pd. La mia colpa? Aver fatto solamente il mio lavoro” (di V. Petrini)
Opinioni / “Si vince restando in piedi mentre gli altri cadono”: Tommasi ha fatto suo il teorema di Steven Bradbury (di L. Telese)
Opinioni / In ricordo di Gianluca Gasbarri: il fotografo che sapeva cogliere l’attimo attraverso il suo obiettivo
Opinioni / Ma a vincere è ancora una volta l’astensione: così il partito del non voto azzoppa la democrazia (di M. Ainis)
Opinioni / Perché i media ignorano i report sui palestinesi di Amnesty, Save the Children e gli altri? (di A. Di Battista)