Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Le bare di Bergamo sono l’immagine simbolo della tragedia che stiamo vivendo

Immagine di copertina

Le bare di Bergamo sono l’immagine simbolo della tragedia che stiamo vivendo

C’è solo una immagine, in questa crisi, che non ha bisogno di essere spiegata: le bare di Bergamo. In ogni tempo e in ogni storia, il corpo dei defunti è il segnale di confine, la pietra miliare che separa in ogni società ciò che si può tollerare e ciò che non si può tollerare. I 20 milioni di morti russi della Seconda guerra mondiale pesarono sul piatto di Yalta e segnarono il confine della cortina di ferro. Le bare imbandierate a stelle e strisce piene di cadaveri in uniforme costrinsero l’America a ritirarsi dal Vietnam nel 1975. Le bare bianche e piccole dei bambini a San Giuliano ci fecero capire che quel terremoto era una tragedia senza rimedio.

Oggi le dieci pagine di necrologi dell’Eco di Bergamo e le casse da morto impilate nelle chiese della Lombardia parlano meglio di ogni dato, più di ogni numero. Vanno oltre la suggestione emotiva del tampone, oltre il bollettino del contagio, l’aritmetica degli epidemiologici statistici. Questo funerale a cielo aperto ci dice che all’improvviso sono saltati insieme i presidi di civiltà del secolo Novecento e persino quelli dell’Ottocento.

I sepolcri di Foscolo divennero il perno simbolico della civiltà occidentale, perché l’editto di Saint Cloud, promulgato da Napoleone nel 1804, per la prima volta nella storia prescrisse che i morti andavano seppelliti fuori dalle mura cittadine, promosse la creazione dei cimiteri, rese tutti uguali. I cadaveri, e le urne dei forti, diventavano il fondamento dello Stato.

Le pompe funebri da allora sono entrate nelle nostre vite come una civile stazione di transito, un ganglo vitale della burocrazia civile moderna. E persino le battute delle macabre campagne della Taffo (“O state a casa o staremo tutti in cassa”) ci sembravano un viatico possibile. Adesso tutto salta: bare insepolte, allineate, non gestite azzerano la nostra illusione di poter regolamentare il transito. Passerà l’emergenza, passerà la paura, ma questa immagine resterà dentro di noi come una cicatrice profonda.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass
Cronaca / Antonio, Giampiero e Nicolas: chi sono i tre ballerini morti in un incidente in Arabia Saudita
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto