Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Le bare di Bergamo sono l’immagine simbolo della tragedia che stiamo vivendo

Immagine di copertina

Le bare di Bergamo sono l’immagine simbolo della tragedia che stiamo vivendo

C’è solo una immagine, in questa crisi, che non ha bisogno di essere spiegata: le bare di Bergamo. In ogni tempo e in ogni storia, il corpo dei defunti è il segnale di confine, la pietra miliare che separa in ogni società ciò che si può tollerare e ciò che non si può tollerare. I 20 milioni di morti russi della Seconda guerra mondiale pesarono sul piatto di Yalta e segnarono il confine della cortina di ferro. Le bare imbandierate a stelle e strisce piene di cadaveri in uniforme costrinsero l’America a ritirarsi dal Vietnam nel 1975. Le bare bianche e piccole dei bambini a San Giuliano ci fecero capire che quel terremoto era una tragedia senza rimedio.

 

Oggi le dieci pagine di necrologi dell’Eco di Bergamo e le casse da morto impilate nelle chiese della Lombardia parlano meglio di ogni dato, più di ogni numero. Vanno oltre la suggestione emotiva del tampone, oltre il bollettino del contagio, l’aritmetica degli epidemiologici statistici. Questo funerale a cielo aperto ci dice che all’improvviso sono saltati insieme i presidi di civiltà del secolo Novecento e persino quelli dell’Ottocento.

 

 

I sepolcri di Foscolo divennero il perno simbolico della civiltà occidentale, perché l’editto di Saint Cloud, promulgato da Napoleone nel 1804, per la prima volta nella storia prescrisse che i morti andavano seppelliti fuori dalle mura cittadine, promosse la creazione dei cimiteri, rese tutti uguali. I cadaveri, e le urne dei forti, diventavano il fondamento dello Stato.

Le pompe funebri da allora sono entrate nelle nostre vite come una civile stazione di transito, un ganglo vitale della burocrazia civile moderna. E persino le battute delle macabre campagne della Taffo (“O state a casa o staremo tutti in cassa”) ci sembravano un viatico possibile. Adesso tutto salta: bare insepolte, allineate, non gestite azzerano la nostra illusione di poter regolamentare il transito. Passerà l’emergenza, passerà la paura, ma questa immagine resterà dentro di noi come una cicatrice profonda.

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, la denuncia di uno studente di 22 anni: “Derubato, picchiato e violentato da tre persone in strada”
Cronaca / Firenze, rider di 26 anni morto contro un’auto. Nardella: “Abominevole, costretti a correre per pochi euro”
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, la denuncia di uno studente di 22 anni: “Derubato, picchiato e violentato da tre persone in strada”
Cronaca / Firenze, rider di 26 anni morto contro un’auto. Nardella: “Abominevole, costretti a correre per pochi euro”
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Cronaca / Roma, stupro alla Garbatella: si segue la pista del maniaco seriale
Cronaca / Studenti sotto assedio nelle università di Tehran, la lettera-appello ai rettori italiani di Pegah Moshir Pour
Cronaca / “Attacchi d’ira contro i domestici che non obbedivano”: le accuse dell’ex fidanzata di Gianluca Vacchi
Cronaca / Scopre di essere incinta e di avere un tumore lo stesso giorno: il dramma di Elisabetta, morta a 36 anni
Cronaca / Ragazza italiana arrestata in Iran. L’allarme del padre sui social
Cronaca / Spara e uccide l’amico durante una battuta di caccia al cinghiale: indagato 76enne
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero