Il genio della settimana: la Ceccardi ha auto-certificato cos’è davvero la Lega

Di Giulio Cavalli
Pubblicato il 15 Mar. 2020 alle 14:44 Aggiornato il 15 Mar. 2020 alle 14:50
5.3k
Immagine di copertina
Susanna Ceccardi

È diventata famosa per le sue sparate quando era sindaca di Cascina (Pisa) e infatti in breve tempo è diventata europarlamentare. Nella Lega di Salvini funziona così: ti inventi una boiata qualsiasi, esci sui giornali praticamente deriso da tutti ma in cambio guadagni una visibilità che in quell’elettorato funziona abbastanza per scalare posizioni politiche. E così oggi ci ritroviamo a parlare di Susanna Ceccardi, prossima candidata della Lega per le regionali in Toscana che è partita per Barcellona per raggiungere l’aeroporto e recuperare degli italiani che sarebbero bloccati dopo i loro viaggi alle Canarie.

“In questi giorni – spiega Ceccardi in una nota – ho ricevuto numerosi appelli di connazionali rimasti bloccati all’estero: persone che avevano organizzato una vacanza low-cost lasciate in balia degli eventi dopo che le compagnie aeree hanno cancellato i voli di rientro in Italia. Una situazione difficile, complicatissima ed incerta, che si interseca nello scenario terrificante di quella che è ormai una pandemia che sconvolgerà il nostro continente”.

Ovviamente a chi le ha fatto notare che sarebbe bastato contattare l’Unità di crisi della Farnesina e fare in modo che fosse il governo a risolvere la situazione la Ceccardi afferma di averlo fatto ma, dice, “alla fine ho ritenuto che la cosa più semplice e più umana di tutte fosse quella di noleggiare un mezzo, dopo aver messo al corrente le autorità italiane, ed andare a recuperare direttamente i nostri connazionali in difficoltà”. Sembra una barzelletta? Sì, ma è tutto verissimo. E nell’impresa si sono buttati anche l’ex ministro al Turismo Gianmarco Centinaio e l’assessore di Pisa Gianna Gambaccini che, in quanto medico, dovrebbe occuparsi di “monitorare lo stato di salute dei pazienti”.

In sostanza in un periodo dove il governo e la comunità scientifica si sgolano per dirci che restare a casa e evitare contatti sociali sono le uniche condizioni per evitare il contagio, una candidata leghista prova a meritarsi qualche spazio sui giornali prenotando un pullman e organizzando una gita fuori porta per provare così a denunciare l’indolenza del governo. Viene da chiedersi, tra l’altro, quale sia la necessità scritta sull’autocertificazione di questi tre loschi individui che girano per l’Europa e soprattutto viene da chiedersi se almeno l’emergenza sanitaria in corso non possa rendere tutti vaccinate da queste cazzate pubblicitarie che ci vengono propinate per un pugno di voti. Speriamo bene

Leggi anche:

Tutti a casa? Non la leghista Ceccardi. Va a prendere 50 persone in Spagna e mortifica l’Italia che fa sacrifici 

5.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.