Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 09:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Niente Dap per Di Matteo perché avrebbe infastidito i mafiosi? Bonafede dia una risposta chiara

Immagine di copertina

Alla fine il ministro Bonafede si ritrova schiacciato dallo stesso assolutismo che il Movimento 5 Stelle ha continuato a usare in tutta la sua comunicazione politica: nella visione di tutto bianco o nero il magistrato Nino Di Matteo (la cui carriera parla senza dare adito a fraintendimenti nella lotta alla mafia) è uno scoglio duro da superare e ciò che è accaduto ieri durante la trasmissione condotta da Massimo Giletti apre una crisi politica che richiede qualcosa di più di un semplice chiarimento raffazzonato. C’è bisogno di spiegazioni serie, di illustrare con chiarezza le scelte fatte e, nel caso, di prendersi la responsabilità di eventuali errori.

Che siano stati scarcerati importanti boss mafiosi al 41 bis è un fatto. Si può discutere delle motivazioni e dell’iter burocratico che ha portato a questo ma il boss dei Casalesi (come molti altri) liberato dalle restrizioni del 41 bis è un evento che non si presta a interpretazioni. Resta anche il fatto che queste scarcerazioni non godano del sostegno politico del ministro (oltre che degli elettori del M5S): le dimissioni di Basentini dal DAP indicano chiaramente che dalle parti del ministero gli eventi delle ultime settimane non siano piaciuti. Anche questo è un fatto. Basentini, vale la pena ricordarlo, è stato scelto dal ministro Bonafede (e poi riconfermato nell’anno successivo) e, secondo la ricostruzione di Nino Di Matteo, è stato preferito al magistrato siciliano. Ma non è tutto: dice Di Matteo che la scelta della direzione del DAP a Basentini sarebbe stata presa dopo che molti detenuti di spessore avevano chiaramente detto di temere la nomina di Di Matteo. Questo è il punto.

Perché il ministro ha preferito non prendere una scelta che avrebbe evidentemente infastidito molti mafiosi per virare sul nome di Basentini? Si può avere una spiegazione chiara, netta che esuli dal rivendicare le azioni antimafia messe in campo dal governo e che intervenga sul punto in questione? Perché a Di Matteo è stato proposto un ruolo (che lui ha accettato ufficialmente) e poi gli è stato negato? Basterebbe una spiegazione pulita, diretta. La politica del resto è assunzione di responsabilità e dovere di chiarezza: sono gli stessi che avrebbero dovuto aprire il Parlamento come “una scatoletta di tonno” e che hanno urlato #iostocondimatteo e ora banalmente si ritrovano a dovere prendere una posizione. Il fatto è terribilmente serio e Bonafede lo sa molto di più di quello che vorrebbe mostrare.

La deputata antimafia Aiello (M5S): “Così passiamo per quelli che scarcerano i mafiosi. Avevo altre aspettative dal Movimento”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Opinioni / Il ddl Zan muore grazie ai voti dei nuovi centristi progressisti moderati sauditi (di G. Cavalli)
Opinioni / Salvate il soldato Zan. Ovvero cronaca di un disastro annunciato (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Opinioni / Il ddl Zan muore grazie ai voti dei nuovi centristi progressisti moderati sauditi (di G. Cavalli)
Opinioni / Salvate il soldato Zan. Ovvero cronaca di un disastro annunciato (di M. Tarantino)
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)