Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Caro Vespa, continui a non capire che il femminicidio riguarda (prima ancora delle donne) noi uomini

Bruno Vespa intervista Lucia Panigalli, ma non capisce che il femminicidio riguarda (prima ancora) gli uomini

Bruno Vespa ci fa sapere di essere “sorpreso e indignato” dalle nostre reazioni all’intervista di martedì sera a “Porta a Porta” a Lucia Panigalli, la donna vittima di tentato omicidio che vive sotto scorta.

E aggiunge. “È gravissimo che si voglia estrapolare una frase da un dialogo complessivo di grande solidarietà e rispetto”.

Vede, dottor Vespa – è così che la chiamano tutti, no? – il fatto è che non è la frase agghiacciante in sé il problema, e neppure le sue altre dieci o dodici frasi di identico tenore, e non sono neppure i ghigni e i risolini sguaiati con cui ha accompagnato quasi ogni passaggio dei venti minuti d’intervista.

No, il problema è che lei – come decine di milioni di uomini italiani – considera la “solidarietà” a una donna vittima di violenza come una sorta di paternalistica compassione, una specie di protettiva condiscendenza maschile, direi quasi virile, rispetto a un dolore fisico e intimo di cui nulla sa e nulla vuole sapere, e che tutto sommato non la riguarda e non CI riguarda.

E, mentre dà questa risposta piccata con quell’aria di sdegnata superiorità a chiunque abbia osato criticarla, neanche si è reso conto di come, invece, la storia di Lucia riguardi infinitamente di più noi – noi uomini, la nostra storia, la nostra identità – di quanto riguarderà mai Lucia e le donne come lei, le donne tutte.

E, fino a quando questo semplice passaggio non sarà finalmente chiaro, non risolveremo mai quella piaga spaventosa che si chiama femminicidio e ogni suo derivato. Ecco, dottor Vespa, cos’è “gravissimo”. Ecco qual è il problema.

La vergognosa intervista di Bruno Vespa alla donna vittima di violenza: se questo è Servizio pubblico (di Lorenzo Tosa)

Nonostante la legge sul codice rosso, le donne continuano a morire (di Lara Tomasetta)

No, per eliminare i “feminicidi” non basta una legge. Alla polizia e alla magistratura serve personale preparato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale
Cronaca / Covid, 1.147 nuovi casi e 35 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale
Cronaca / Covid, 1.147 nuovi casi e 35 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Imperia, somministrato per errore a due ragazze AstraZeneca anziché Pfizer
Cronaca / Migranti, Katia Ricciarelli: “Italiani non sono razzisti, ma questi arrivi incontrollati creano tensione”
Cronaca / Mix vaccini, Figliuolo: “Per la seconda dose 100mila persone hanno dubbi”
Cronaca / Saman Abbas, il fratello conferma in aula: “L’ha uccisa lo zio Danish Hasnain”
Cronaca / Messina, trasportavano droga con le ambulanze durante il lockdown: 8 arresti
Cronaca / Green Pass: cos’è, chi può richiederlo e come si ottiene
Cronaca / Novara, camion forza blocco durante una manifestazione: muore un sindacalista