Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Che ne è del trattato che ha disegnato il Medio oriente?

Cento anni fa, Francia e Regno Unito si sedevano a tavolino per disegnare i confini del Medio oriente. Oggi quell'accordo è ancora in vigore. Ma ha un qualche senso?

Di Antonio Scafati
Pubblicato il 2 Feb. 2016 alle 05:18
0
Immagine di copertina

Massoud Barzani, presidente del governo del Kurdistan iracheno, lo ha ripetuto a fine gennaio del 2016: “L’era di Sykes-Picot è finita”. Lo aveva già detto anche sul finire del 2014: “L’Iraq non esiste. Esiste solo su una mappa. Il paese si sta uccidendo da solo. Sciiti e sunniti non possono vivere insieme, come vi aspettate che noi viviamo con loro?”

Perorando la vecchia ambizione curda, quella della nascita di uno stato indipendente, Barzani sostiene che l’era Sykes-Picot è finita. Se ha ragione, il Medio oriente così come lo conosciamo è destinato a cambiare.

Ma facciamo un passo indietro, per capire di che parliamo. Che cos’è l‘accordo Sykes-Picot? Prima guerra mondiale: l’impero Ottomano, sconfitto, è al tramonto. Regno Unito e Francia decidono di sedersi al tavolo e di ridefinire le proprie sfere d’influenza nel Medio oriente. La Russia acconsente. Due diplomatici guidano le trattative: il francese François Georges-Picot e il britannico Mark Sykes.

Qualche mese di negoziati e si arriva all’accordo. Era il 1916, esattamente cento anni fa. All’atto pratico, i confini sulle mappe del Medio oriente verranno definiti dopo, ma è l’accordo tra i due diplomatici a segnare la via. Da allora sulle carte geografiche è cambiato molto poco.

(Nell’immagine qui sotto: una mappa mostra i confini disegnati dall’accordo Sykes-Picot del 1916. Credit: FT) 

(Nell’immagine qui sotto: una mappa illustra gli accordi del 1916 tra due diplomatici – il francese François Georges-Picot e il britannico Mark Sykes – che disegnano ad hoc i confini del Medio oriente. A= Francia ; B= Regno Unito ; C= Italia) 

(Nell’immagine qui sotto: com’era suddiviso il Medio oriente nel 1914, prima dell’accordo Sykes-Picot del 1916. Credit: Philippe Rekacewicz)