Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Che ne è del trattato che ha disegnato il Medio oriente?

Immagine di copertina

Cento anni fa, Francia e Regno Unito si sedevano a tavolino per disegnare i confini del Medio oriente. Oggi quell'accordo è ancora in vigore. Ma ha un qualche senso?

Massoud Barzani, presidente del governo del Kurdistan iracheno, lo ha ripetuto a fine gennaio del 2016: “L’era di Sykes-Picot è finita”. Lo aveva già detto anche sul finire del 2014: “L’Iraq non esiste. Esiste solo su una mappa. Il paese si sta uccidendo da solo. Sciiti e sunniti non possono vivere insieme, come vi aspettate che noi viviamo con loro?”

Perorando la vecchia ambizione curda, quella della nascita di uno stato indipendente, Barzani sostiene che l’era Sykes-Picot è finita. Se ha ragione, il Medio oriente così come lo conosciamo è destinato a cambiare.

Ma facciamo un passo indietro, per capire di che parliamo. Che cos’è l‘accordo Sykes-Picot? Prima guerra mondiale: l’impero Ottomano, sconfitto, è al tramonto. Regno Unito e Francia decidono di sedersi al tavolo e di ridefinire le proprie sfere d’influenza nel Medio oriente. La Russia acconsente. Due diplomatici guidano le trattative: il francese François Georges-Picot e il britannico Mark Sykes.

Qualche mese di negoziati e si arriva all’accordo. Era il 1916, esattamente cento anni fa. All’atto pratico, i confini sulle mappe del Medio oriente verranno definiti dopo, ma è l’accordo tra i due diplomatici a segnare la via. Da allora sulle carte geografiche è cambiato molto poco.

(Nell’immagine qui sotto: una mappa mostra i confini disegnati dall’accordo Sykes-Picot del 1916. Credit: FT) 

(Nell’immagine qui sotto: una mappa illustra gli accordi del 1916 tra due diplomatici – il francese François Georges-Picot e il britannico Mark Sykes – che disegnano ad hoc i confini del Medio oriente. A= Francia ; B= Regno Unito ; C= Italia) 

(Nell’immagine qui sotto: com’era suddiviso il Medio oriente nel 1914, prima dell’accordo Sykes-Picot del 1916. Credit: Philippe Rekacewicz)