Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Sono figlio di comunisti e sto con Salvini”: il rettore dell’Università di Salerno si candida con la Lega

Immagine di copertina
Aurelio Tommasetti; Matteo Salvini

È figlio di fieri comunisti, ma alle elezioni Europee si candida con la Lega, al Sud. Aurelio Tommasetti, 52 anni, è il rettore dell’Università di Salerno e ha deciso di scendere in campo per correre alle prossime elezioni accanto a Matteo Salvini.

In un’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, Tommasetti rivela la stima nei confronti del leader leghista, “c’è un bel dialogo con lui, penso si possano portare in Europa energia giusta belle idee”.

Il rettore, nonostante le avances del Pd campano di Vincenzo De Luca e di Forza Italia, ha scelto Salvini. Ha le idee chiare, Tommasetti, che parla del suo programma politico e lo riassume in “giovani, sud, Europa”. E spiega: “Con i giovani lavoro da sempre, ho scelto loro, anziché le imprese: laurea a 22 anni in Economia e Commercio alla Federico II, ordinario a 38 anni. E ogni anno all’Unisa abbiamo assunto quasi 100 persone, solo per una virtuosa gestione delle risorse”.

Tommasetti arriva da una famiglia di sinistra. Il padre, morto da poco, non ha mai rivestito impegni pubblici, come specifica il rettore, ma, sì, era proprio di sinistra. “È autentica quella radice dei miei, e mi interesserà capire cosa ne pensano mia madre, mia sorella..”, continua ancora Tommasetti.

A proposito della politica portata avanti dalla Lega in materia di migranti, il rettore dell’Università di Salerno non si sbilancia troppo. “Non entrerei subito, così drasticamente nei temi. Ripeto: una campagna va organizzata, ci sono pensieri da articolare”, spiega.

Invece è semplice – insiste la giornalista Conchita Sonnino – dire se la linea dei porti chiusi imbarazzi o meno: “Ma no, non la mettiamo in questi termini. Imbarazzo no. Quale imbarazzo? Se anche gli italiani hanno votato così…”, risponde lui, che specifica che “bisogna tenere conto dell’espressione popolare, i numeri hanno il loro peso”.

Non si definisce leghista, ma “liberale”, Tommasetti, che scende in politica “perché penso di poter esser utile. E per mia ambizione”.

Elezioni europee: tutti i candidati della Lega, circoscrizione per circoscrizione

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI