Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

The woman who left ha vinto il Leone d’Oro al festival di Venezia

Immagine di copertina

Emma Stone migliore attrice, Gran Premio della giuria a Nocturnal Animals, per l'Italia unico premio importante il miglior film per la sezione Orizzonti a Liberami

É The woman who left, un thriller in bianco e nero di quasi quattro ore, il vincitore del Leone d’Oro della 73esima Mostra del Cinema di Venezia. Il film del regista filippino Lav Diaz, di 57 anni, racconta la storia delle difficoltà di un’insegnante nel reintegrarsi nella società dopo trent’anni di prigione per un crimine che non ha commesso.

“Questo premio è per la mia nazione, per il popolo filippino e la sua battaglia. The woman who left è un’allegoria dell’umanità che soffre e che non rinuncia a lottare”, ha detto Diaz, ringraziando la giuria presieduta dal regista britannico Sam Mendes.

Al secondo posto, Leone d’Argento – Gran premio della Giuria, invece, è arrivato Nocturnal Animals di Tom Ford, in cui le due star Jake Gyllenhaal e Amy Adams recitano nel doppio ruolo di una coppia divorziata e dei personaggi di un racconto scritto da uno dei due protagonisti.

Emma Stone è stata premiata come migliore attrice, protagonista del musical La La Land, mentre Oscar Martinez è stato nominato miglior attore per il film El Ciudano Illustre.

A Noah Oppenheim è andato invece il premio per la miglior sceneggiatura con Jackie. La giuria della 73esima Mostra internazionale del Cinema di Venezia ha scelto di assegnare a due registi il Leone d’Argento per la miglior regia. Il premio è infatti andato a Amat Escalante, che ha portato in Concorso La Rejon Salvaje e ad Andrei Konchalovski, che ha invece presentato Paradise.

The bad batch di Ana Lily Amirpour, è andata una menzione speciale della giuria presieduta da Sam Mendes.  

Per l’Italia un solo premio importante, quello per il miglior film della sezione ‘Orizzonti’ assegnato a Liberami di Federica Di Giacomo. Il premio ‘Marcello Mastroianni’ per l’attore emergente è stato assegnato a Paula Beer, che recita in Frantz di Francois Ozon, mentre The last of Us di Ala Eddine Slim vince il premio ‘Il Leone del Futuro – Venezia Opera prima Luigi De Laurentis’ assegnato dalla giuria presieduta da Kim Rossi Stuart. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI