Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Il giorno in cui il mio cuore impazzì

Immagine di copertina

La testimonianza forte e molto personale di una giovane donna che convive con gli attacchi d'ansia e ha scelto di condividere la sua esperienza su TPI

Era un giorno come gli altri. Stavo lavando i piatti con la musica alta, cantavo. Mi sentivo persino più serena del solito.

All’improvviso il mio cuore ha iniziato a battere all’impazzata, una tachicardia immotivata e incontrollata. Il braccio e la mano sinistra formicolavano; avevo dei dolori al petto. Senza lasciarmi andare alla preoccupazione sono andata da mia sorella per avvertirla che non mi sentivo bene e lei guardandomi si è spaventata: “Ma perché sei così bianca?”

Il cuore batteva sempre più forte. Panico.

Andai in bagno, mi spogliai, acqua gelata. Mi guardai allo specchio, ero rossa come una lattina di Coca-Cola. Il cuore non smetteva di martellare.

I medici mi dissero che non avevo niente. Analisi ematiche, elettrocardiogramma, ecografie. Ma come poteva essere? Per settimane, lunghe e angoscianti, credevo ogni giorno di essere sul punto di morire.

La tachicardia era continua, l’agitazione immediata, le mani sudavano, la gola si stringeva, sentivo un macigno sul petto. Non riuscivo a deglutire e a respirare bene. Una condizione del genere non ti lascia tempo per nient’altro.

Ahimè, studio medicina, quindi il pensiero di avere problemi fisici che potessero essere sfuggiti ai dottori, dall’ipertiroidismo a gravi difetti cardiaci, mi perseguitava. Stavo male senza sosta. Piangevo tutto il giorno.

Settimane dopo, gli attacchi cominciarono a lasciarmi qualche ora libera. Continuavo a rivolgermi a medici sempre differenti, e tutti mi congedavano allo stesso modo: problemi psicofisici.

La preoccupazione della mia famiglia mi spinse a rivolgermi a uno psichiatra, che capì immediatamente la mia situazione: disturbo d’ansia generalizzata a base depressiva.

Mi prescrisse una terapia farmacologica a base di stabilizzatore dell’umore (Rivotril), antidepressivi (Paroxetina e Citalopram) e ansiolitici (Xanax, Alprazolam).

Ero talmente disperata e gli attacchi erano così invalidanti per la mia vita, che ignorai le mie stesse convinzioni contrarie all’uso di psicofarmaci, e iniziai la cura, abbinata a una psicoterapia.

I farmaci mi facevano dormire tutto il giorno, all’inizio. E dopo qualche tempo mi privarono di ogni pulsione, dalla fame agli istinti sessuali. Mi portavano picchi di iperattività, e un vuoto emotivo innaturale. Il mio sguardo era assente. Mi dicevano: “Non ti riconosco più”.

Arrivai a pesare, senza nemmeno rendermene conto, 41 chilogrammi per 165 centimetri d’altezza. Passavo le giornate a fare tantissime cose senza mangiare nulla.

Non ricordavo mai di nutrirmi, solo di prendere i farmaci. La magrezza impressionante e la mia assenza mentale preoccuparono e addolorarono i miei familiari al punto da spingermi a interrompere la terapia farmacologica.

Gli attacchi d’ansia mi hanno cambiata davvero. È un’esperienza che ti scuote profondamente, ti avvicina all’idea della morte, ti mette alla prova ogni notte che passi da sola senza riuscire a prendere sonno, con il cuore che scoppia e il respiro spezzato.

Ti colpisce indipendentemente da quello che fai. Stai male e ancora male. Nessuna quiete arriva a farti stare meglio dopo la tempesta. Solo una gran paura di svegliarti di nuovo. Ti deprime, ti scoraggia, ti devasta la quotidianità.

Ma se ne esci, sei un’altra persona, e spesso migliore. Ti costringe a prendere in mano la tua vita, a fare scelte importanti, riordinando le tue priorità. Riesci a dare il giusto peso ai problemi, perché – diavolo! – niente terrorizza come un attacco d’ansia. E per lo stesso motivo rinasci con mille nuove forme di consapevolezza.

Ancora non so per quale ragione abbia cominciato a soffrire di attacchi d’ansia. E anzi, dopo qualche mese mi sono tornati. In attesa di far luce sulle cause reali e mettere fine per sempre al problema, prendo ancora lo Xanax ogni volta che ne ho bisogno.

Ci convivo, non mi fanno più paura, nemmeno quando sono forti e non riesco a respirare.

L’arte mi aiuta, dipingere, suonare, scrivere, come se alleggerisse un po’ quella tensione che si accumula dentro e che preme sul petto. Ma calmare il cuore a volte è ancora dura come, credo, un po’ per tutti.

*A cura di Viola Fronterré

— LEGGI ANCHE: Cosa si prova quando si soffre d’ansia

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI