Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

L’Antitrust ha bocciato la “tassa sugli immigrati”

Immagine di copertina

L’Antitrust ha bocciato la tassa sui money transfer, che da molti era stata definita la tassa sugli immigrati.

Il decreto fiscale 2018 aveva imposto un prelievo dell’1,5 per cento alle società che inviano denaro verso i paesi extra-comunitari.  L’imposta, che prevedeva dunque un’imposta dell’1,5 per cento sulle somme di denaro spedite all’estero, è stata giudicata discriminatoria e in violazione della concorrenza.

Il Garante per la concorrenza e il mercato (Agcm), ha inviato una nota al governo, definendo la norma del decreto fiscale “ingiustificatamente discriminatoria” perché non grava sulle banche (italiane o estere) e neanche sulle Poste, ma colpisce i soli money transfer.

Secondo l’Antitrust vi è inoltre il rischio che i money transfer scarichino questa imposta sui clienti, aumentando le tariffe per il trasferimento di denaro.

Il Garante, dunque, chiede al governo “opportune modifiche” alla legge che eliminino gli “effetti discriminatori” dell’imposta e ripristinino “le condizioni per un corretto confronto competitivo”.

La tassa aveva l’obiettivo trattenere in Italia almeno una piccola quota del denaro prodotto sul territorio nazionale dai lavoratori stranieri, che spesso inviano all’estero alle proprie famiglie, buona parte dei profitti.

Nel 2018 l’ammontare dei trasferimenti di denaro all’estero è stato di circa 5 miliardi di euro, di cui circa l’80 per cento destinato a Paesi extra-europei.

Attualmente i migranti che trasferiscono denaro all’estero, pagano già una commissione del 6,2 per cento. I critici della tassa sui money transfer sostengono che questa andrebbe a costituire un ulteriore peso economico per lavoratori regolari e che si rischierebbe così di andare a ingrossare i canali di trasferimento di denaro illeciti.

L’imposta va inoltre contro il principio dell’aiutiamoli a casa loro, portato avanti dalla Lega e dal Movimento Cinque Stelle. Nei paesi più poveri, i cui cittadini sono emigrati all’estero, una quota rilevante del Pil è costituita dalle rimesse di denaro provenienti proprio dai lavoratori che sono andati a lavorare fuori dal proprio paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI