Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

Il video di un suicidio diventa virale tra ragazzini delle medie, il paese è sotto shock

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 22 Feb. 2019 alle 13:43
0
Immagine di copertina

Un suicidio è già un fatto grave di per sé. Diventa poi un pugno nello stomaco per un’intero paese in provincia di Padova quando le immagini del corpo a penzoloni, appeso al balcone di un condominio, diventano virali tra gli studenti delle medie con un video circolato sulle chat Whatsapp.

Dopo il dolore per un 52enne che ha deciso di togliersi la vita, si è aggiunta l’indignazione del paese nel vedere che quella tragedia è stata immortalata e ha fatto il giro dei social, girando tra ragazzini delle scuole medie.

Il dramma risale a domenica mattina: sono stati i vicini di casa e gli altri inquilini del palazzo ad accorgersi del corpo inerme, a penzoloni dal secondo piano e ne hanno parlato al quotidiano Il Gazzettino.

Le foto ritraggono il cadavere dell’uomo in pigiama, con la testa reclinata di lato, appeso ad un balcone al secondo piano. Una serie di foto non esattamente adatte ad alla visione di un pubblico di minorenni.

“Ho visto lo slideshow di foto sul cellulare di un amico, il corpo era cerchiato in rosso, quasi a volerlo mettere in risalto, come se l’immagine non fosse già di per sé un pugno allo stomaco. Non sembrava scattata dalla strada, ma da più in alto, forse da un appartamento del palazzo”, ha raccontato un cittadino alla stampa locale.

Un altro vicino dell’uomo che si è suicidato ha aggiunto la sua testimonianza: “Per me che ho assistito alla scena e sono stato uno di quelli che hanno chiamato i soccorsi, vedere la foto è stato terribile. Come si fa a non avere rispetto di fronte a un dramma del genere?”.

Sul gruppo Facebook del paese è stato lanciato l’allarme sulla diffusione della foto, accusando l’autore della foto di scarso rispetto per il morto e per i suoi familiari.

Nell’era dei social, anche un suicidio diventa facilmente un fenomeno virale.

> LEGGI ANCHE: Fotografarsi per non pensare al suicidio

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.