Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Spese pazze: il tribunale di Milano condanna Minetti, Renzo Bossi il capogruppo Lega al Senato Romeo

Immagine di copertina

Il processo riguarda fatti avvenuti tra il 2008 e il 2011, periodo durante il quale dalle casse della Regione sarebbero usciti illegalmente circa tre milioni di euro

Il 18 gennaio 2019 il tribunale di Milano ha condannato a un anno 8 mesi di carcere il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo: l’accusa è di peculato nel processo sulle presunte “spese pazze” effettuate con i fondi pubblici dei rimborsi assegnati ai gruppi consiliari della Regione Lombardia.

Il processo riguarda fatti avvenuti tra il 2008 e il 2011, periodo durante il quale dalle casse della Regione sarebbero usciti illegalmente circa tre milioni di euro.

> Esclusivo TPI: Ecco che fine hanno fatto i 49 milioni della Lega

Tra gli ex consiglieri regionali condannati nel merito dell’inchiesta, nota anche come “Rimborsopoli”, ci sono l’eurodeputato Angelo Ciocca, che deve scontare un anno e 6 mesi, Renzo Bossi, figlio di Umberto Bossi, condannato a 2 anni e 6 mesi e l’ex assessore di Forza Italia, Nicole Minetti (1 anno e 8 mesi).

Contro Minetti è stata avanzata l’accusa di peculato per avere speso ai danni delle casse pubbliche quasi 20mila euro: tra gli acquisti anche quelli per pasti in ristoranti di cucina giapponese e per l’acquisto del libro Mignottocrazia.

Renzo Bossi invece è accusato di aver speso quasi 16mila euro in biscotti, caffé, red bull e altre bevande, brioche farcite, spremute e due spazzolini.

L’europarlamentare Angelo Ciocca, noto anche per avere calpestato con la sua scarpa la lettera inviata dalla Ue all’Italia sulla manovra economica, è accusato di aver speso più di 5mila euro.

L’accusa contro il capogruppo della Lega Massimiliano Romeo è di aver speso 21.917 euro per ristoranti, pizzerie e altre “spese estranee all’esercizio delle funzioni istituzionali” e “non funzionali all’espletamento del mandato”. A Romea sono state riconosciute le attenuanti generiche.

Ma la lista degli imputati è molto più lunga: il tribunale ha condannato a pene tra un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi 52 persone. Tra questi anche Stefano Maullu, che al momento è europarlamentare di Forza Italia, Alessandro Colucci, deputato del gruppo misto, condannato a 2 anni e 2 mesi. La pena più alta per Stefano Galli, ex capogruppo della Lega, condannato a 4 anni e 8 mesi.

Assolti o prescritti invece 5 ex consiglieri: sono stati assolti Davide Boni, Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari, Massimo Ponzoni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI