Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Ricordando la tragedia di Lampedusa

Tre anni fa, a largo dell'isola siciliana, 368 migranti persero la vita in un naufragio

Di Stefano Mentana
Pubblicato il 3 Ott. 2016 alle 07:32
0
Immagine di copertina

Il 3 ottobre 2013, tre anni fa, un’imbarcazione di soli 20 metri, ma con a bordo oltre cinquecento migranti, colò a picco nei pressi dell’isola di Lampedusa.

I corpi ritrovati in mare furono 368 e solo 155 persone si salvarono. Venti sono i presunti dispersi, anche se è difficile calcolare con esattezza quante persone fossero a bordo dell’imbarcazione.

Nel 2013 sono sbarcati in Italia 42.935 immigrati clandestini. Di questi, 14.753 sono sbarcati proprio a Lampedusa: non perché sia la loro meta, ma semplicemente per un incidente geografico che vuole che la piccola isola, dalla superficie di soli 20 chilometri quadrati, si trovi nel mezzo della rotta tra le coste libiche e l’Italia.

Chi un tempo ambiva a trasferirsi in Italia, oggi la vede solo come una tappa intermedia. Per poi andare altrove (leggi l’articolo sui migranti fantasma).

Lampedusa è il punto più meridionale d’Italia: si trova a sud di Tunisi. È poco più grande del lago d’Orta, in Piemonte. Nel 2004 il comune di Lampedusa e Linosa ha ricevuto la medaglia d’oro al merito civile per le difficoltà che affronta nell’accogliere i migranti.

Qui una gallery sulla vita a Lampedusa

Nei primi sei mesi del 2016 circa tremila migranti e rifugiati sono morti nel Mediterraneo e quasi 250mila hanno tentato di raggiungere l’Europa, secondo i dati diffusi dall’ultimo rapporto dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni a luglio 2016.

Qui i dati dell’ultimo rapporto dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.