Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Regeni, il legale dal Cairo: “Perché chi cerca la verità per Giulio è in prigione e al-Sisi è accolto tra gli onori?”

Immagine di copertina

Ahmed Abdallah, del consiglio di amministrazione della Commissione egiziana per i diritti e le libertà si domanda come mai il governo italiano ignori che molti legali e attivisti che si muovono per Giulio Regeni ora sono in prigione

“Cosa è successo? Vedere il tappeto rosso per al-Sisi mentre quelli che cercano la verità per Giulio sono in prigione è molto deludente. Per quasi 3 anni fino ad ora non abbiamo sentito altro che parole. E invece abbiamo bisogno di azioni, vogliamo una cooperazione assoluta, vogliamo sapere chi sono i responsabili della tortura e della morte di Giulio”.

S&D

A parlare al quotidiano La Repubblica è Ahmed Abdallah, presidente del consiglio di amministrazione della Commissione egiziana per i diritti e le libertà, che affianca la famiglia Regeni dal Cairo.

Abdallah, probabilmente proprio per il suo lavoro nella ricerca della verità sull’assassinio del ricercatore italiano, nel 2016 è rimasto in carcere per sei mesi. La stessa sorte capitata ora ad Amal Fathy, la moglie di un altro consulente dei Regeni al Cairo.

Anche di Ibrahim Metwally, anche lui del team legale dei Regeni al Cairo, non si sa più nulla da mesi.

Le parole del consulente Abdallah lasciano spazio a pochi dubbi: si sta parlando del vertice di Palermo sulla Libia che, appena conclusosi, durante il quale è stata riservata una calorosa accoglienza al presidente egiziano Abdel al-Fattah al-Sisi.

In tanti si chiedono come sia stato possibile invitare con tutti gli onori della cronaca il capo di un regime che ancora nasconde, quasi tre anni dopo, verità sul sequestro, la tortura e l’assassinio di Giulio Regeni.

Il governo italiano, come ha spiegato il ministro degli Esteri, Enzo Moavero, ha assicurato che “la questione di Giulio Regeni è stata tra gli oggetti dell’incontro bilaterale”.

In questi mesi, i due vicepremier – Matteo Salvini e Luigi Di Maio – hanno assunto posizioni differenti e mutevoli nel tempo nei confronti dell’Egitto e della mancata verità sull’omicidio Regeni.

Salvini in un primo momento ha dichiarato di non voler mettere in crisi i rapporti tra i due paesi per la ricerca della verità sulla morte del ricercatore, poi, con un improvviso cambio di rotta, ha deciso di incontrare il presidente al-Sisi e le autorità egiziane per fare pressioni sulle indagini.

Oggi compie un nuovo passo indietro e la sua posizione sembra ben lontana da quella che dichiarava nel 2016:

In questa intervista video del 13 aprile 2016, ad esempio, il leader leghista aveva detto che l’Egitto stava prendendo in giro l’Italia e che il governo italiano non aveva mostrato sufficiente determinazione nell’approfondire la vicenda.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini